Diritto e Fisco | Articoli

Giardino privato in condominio: quali regole?

7 Novembre 2020
Giardino privato in condominio: quali regole?

Vivere in edifici condominiali significa rispettare una serie di obblighi anche con riferimento alla propria quota di proprietà esclusiva.

Hai acquistato un appartamento con giardino privato all’interno di un condominio. Hai ricevuto una diffida da parte dell’amministratore che riguarda la manutenzione del tuo giardino privato. Ti chiedi se tale provvedimento sia legittimo o meno.

Prima di acquistare un immobile dotato di uno spazio verde di proprietà esclusiva all’interno di un comprensorio condominiale è bene conoscere, con riferimento al giardino privato in condominio, quali regole sono previste dal regolamento contrattuale del condominio stesso.

Come vedremo, infatti, pur essendo in casi come questo la proprietà del giardino esclusiva del singolo condòmino e non area comune condominiale, il fatto che l’immobile si trova all’interno di un condominio determina l’insorgere di determinate regole che si ricollegano, in particolare, al decoro del condominio.

Giardino condominiale e giardino privato

Quando un appartamento si trova all’interno di un condominio possono esserci due distinte possibilità. In alcuni casi, infatti, all’appartamento è collegato, come pertinenza esclusiva, un giardino privato. In questo caso, il giardino è di proprietà esclusiva del titolare dell’appartamento e può essere utilizzato solo da questo e non dagli altri condòmini. In altri casi, invece, il giardino costituisce una delle aree comuni che costituisce il condominio.

La legge prevede che il giardino non rientri in automatico tra le parti comuni che fanno parte del condominio in quanto, con riferimento al giardino, non scatta la presunzione legale di comunione che, invece, scatta per altri beni (come il suolo in cui è edificato l’edificio, le aree di parcheggio, etc.) che si presumono essere di proprietà comune ed indivisa [1].

Non essendoci alcuna presunzione relativa al giardino, per verificare se quest’ultimo è privato oppure condominiale occorre verificare cosa è previsto negli atti di compravendita immobiliare dei beni e nel regolamento condominiale.

Giardino privato in condominio: quali regole?

Chiarito che, quando un appartamento si trova all’interno di un condominio, può esserci la necessità di capire se il giardino è privato oppure è condominiale, quando questo problema non si pone ed è assolutamente certo che il giardino è privato, occorre capire se il fatto che l’immobile si trovi all’interno di un condominio determina l’insorgere di determinate regole e obblighi di fare con riferimento al giardino stesso.

In linea generale, infatti, il regolamento condominiale, approvato all’unanimità dall’assemblea dei condòmini, può prevedere obblighi di fare e limiti anche relativamente alle aree di proprietà esclusiva dei singoli condòmini. Ne consegue che il regolamento condominiale potrebbe prevedere obblighi di manutenzione per i condòmini con riferimento ai loro giardini privati di proprietà esclusiva.

Al di là degli obblighi determinati dal condominio, inoltre, essere proprietari di un giardino privato comporta anche degli obblighi ai sensi del regolamento comunale di igiene urbana e della legge [2].

Evitare di effettuare la manutenzione di un’area verde, infatti, può determinare rischi per i terzi come il pericolo di caduta degli alberi, il rischio di infestazione di animali pericolosi, la possibilità che le fronde della vegetazione arrechino disturbo alla visibilità dei conducenti dei veicoli in prossimità delle strade, etc.

Per questo, a prescindere dalle regole del condominio, il proprietario di un giardino privato potrebbe essere obbligato ad effettuare manutenzione alla propria area verde anche per effetto delle norme del regolamento comunale e della legge.

Giardino privato: il decoro del condominio

In alcuni casi, nonostante il giardino sia di proprietà esclusiva di un singolo condòmino, le piante ivi ubicate contribuiscono al decoro dell’intero condominio.

Secondo la Cassazione [3], quando esiste questo nesso tra le piante presenti in un giardino privato ed il decoro condominiale, tutti i condòmini, in proporzione ai millesimi delle relative unità immobiliari, sono tenuti a contribuire alle spese per la manutenzione delle piante stesse.

L’obbligo di partecipare alle spese manutentive degli alberi in un giardino privato a carico degli altri condòmini scatta, secondo la giurisprudenza, se ricorrono le seguenti condizioni:

  • il condominio consideri le piante funzionali al proprio decoro;
  • le spese manutentive da sostenere sono finalizzate a tutelare il decoro del condominio;
  • il regolamento contrattuale del condominio non prevede un obbligo esclusivo del privato di mantenere il giardino condominiale.

In questi casi, dunque, il singolo condòmino può essere sgravato degli oneri determinati dalla manutenzione delle piante del proprio giardino privato potendo, infatti, pretendere che tali spese siano sostenute dall’intero condominio. Ciò in quanto gli interventi manutentivi da realizzare non vanno a vantaggio della singola proprietà ma dell’intero complesso condominiale.

 


note

[1] Art. 1117 cod. civ.

[2] Artt. 2043 e 2051 cod. civ.

[3] Cass. 3666/1994.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube