HOME Articoli

Lo sai che? No alla divisione della casa tra i coniugi se pregiudica la serenità del figlio

Lo sai che? Pubblicato il 13 gennaio 2012

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 13 gennaio 2012

Il giudice non consente la divisione della casa coniugale se essa potrebbe sconvolgere l’ambiente domestico e ledere l’equilibrio psicologico del figlio minore.

La Cassazione, con una recente sentenza che certamente farà discutere [1], ha negato la possibilità di dividere la casa coniugale dopo la separazione della coppia se la vicinanza dei due ex coniugi pregiudica la serenità del figlio.

Il marito aveva chiesto al giudice la possibilità di dividere in due unità abitative distinte il grande immobile dove la coppia precedentemente viveva durante il matrimonio.

I giudici della Corte Suprema invece hanno rigettato la richiesta dell’uomo, ritenendo che la divisione della casa avrebbe sconvolto l’ambiente domestico.

In particolare, è risultato nel corso del processo che la vicinanza tra i due ex coniugi sarebbe stata di ostacolo alla crescita serena e salubre del figlio: tanto per via della pessima influenza del padre (che già aveva perso la patria potestà) e del rapporto di conflittualità tra questi e la ex moglie.

Ricorda la sentenza che l’assegnazione della casa coniugale deve avvenire tenendo conto, in primo luogo, dell’interesse del figlio [2].

 

 

note

[1] Cass. sent. n. 30199 del 30.12.2011.

[2] Art. 155 quater c.c.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI