Conti correnti esteri: sequestro più veloce

8 Settembre 2020 | Autore:
Conti correnti esteri: sequestro più veloce

La nuova ordinanza europea faciliterà il recupero dei crediti civili e commerciali in tutta Europa.

Diventerà più facile per un creditore estero recuperare i propri crediti civili e commerciali nei confronti di un soggetto situato in un altro Stato, purché appartenga all’Unione Europea: è al varo una nuova procedura d’urgenza che consentirà il sequestro delle somme detenute sui conti correnti.

Per ottenere questo risultato, il creditore avrà una scorciatoia rispetto al processo ordinario: potrà infatti chiedere al giudice del proprio Stato l’adozione di un’ordinanza europea, che avrà l’effetto di bloccare i conti correnti accesi in qualsiasi Paese dell’Unione e dunque il denaro e le altre disponibilità finanziarie presenti in essi. Tutto ciò avverrà in via cautelare e quindi preliminare all’avvio della causa di merito.

La norma in arrivo è contenuta in uno schema di decreto legislativo [1], già approvato dal Consiglio dei ministri e attualmente all’esame delle Commissioni parlamentari. L’Italia infatti finora è stata in ritardo nell’attuazione della normativa europea [2] che da anni prevede questa possibilità.

Con la nuova ordinanza europea, il creditore potrà munirsi di uno strumento efficace per soddisfare la sua pretesa, quando riguarda crediti pecuniari civili e commerciali. Lo strumento tecnico per assicurare il risultato è il sequestro conservativo delle somme depositate sui conti correnti del debitore e l’ordinanza viene eseguita secondo la procedura del pignoramento presso terzi.

La ricerca delle informazioni preliminari sui conti correnti esistenti e riconducibili al debitore – necessaria per individuare quelli da colpire con l’apposizione del vincolo cautelare – sarà svolta con le ormai consuete modalità telematiche [3] e dovrà essere richiesta al giudice del tribunale competente a provvedere in relazione al luogo in cui il debitore ha residenza, domicilio, dimora o sede, con l’unica eccezione del credito fondato su atto pubblico, per il quale sarà competente il giudice del luogo dove esso è stato formato.

Il debitore, per ovvi motivi di celerità e di opportunità, non viene sentito nella fase di emissione dell’ordinanza, ma potrà ricorrere in seguito, davanti allo stesso giudice che l’ha emessa, con le regole ordinarie previste per l‘opposizione ai provvedimenti cautelari [4].

Leggi anche questi articoli:


note

[1] Emanato ai sensi dell’art. 5 della legge 4 ottobre 2019, n. 117.

[2] Regolamento UE n. n. 655/2014.

[3] Art. 492 bis Cod. proc. civ.

[4] Art. 669 terdecies Cod. proc. civ.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube