Lavoro e Concorsi | Articoli

Cosa bisogna fare per diventare postino

28 Ottobre 2020 | Autore:
Cosa bisogna fare per diventare postino

I requisiti richiesti ed il contratto di lavoro proposto per chi vuole fare il portalettere. Come avviene la selezione.

Come Massimo Troisi che, nelle vesti di Mario Ruoppolo, consegnava la posta al poeta cileno Pablo Neruda? O come Alessandro Siani, alias Mattia Volpe, che in Benvenuti al Sud alternava la consegna delle lettere con una partita di pallone in piazza insieme ai colleghi dell’ufficio postale di Castellabate? Come L’uomo del giorno dopo, ovvero il postino-Kevin Costner che riuscì a ricomporre i rapporti degli abitanti di un villaggio devastato dai soprusi di un generale? O come il Lyokha de Le notti bianche del postino che portava a chi ancora era rimasto ad abitare in un paesino sperduto della Russia settentrionale sia le poche lettere ancora necessarie, come quelle delle pensioni, sia il pane ed i giornali? Non sicuramente come il postino che suonava due volte alla porta di Jack Nicholson per farsi riconoscere. Basterebbe prendere come riferimento quello che ti lascia ogni giorno la corrispondenza nella buca delle lettere o che suona al tuo campanello per consegnarti una raccomandata. Cosa bisogna fare per diventare postino? Quello vero, non quello dei film?

Molto spesso, si scopre sul sito di Poste Italiane che si sono delle posizioni aperte per poter fare un mestiere che, se nelle grandi città si perde nei meandri del traffico e nella corsa tra una cassetta delle lettere e un’altra, nei piccoli borghi ancora può prevedere un certo rapporto con il vicinato, con il titolare del negozio di alimentari, della merceria o del bar, con i pensionati seduti in piazza ad aspettare ogni giorno il tramonto e ogni mese l’assegno della pensione. Ad ogni modo, la capacità di comunicazione non è tra i requisiti richiesti per fare questo mestiere. Quali sono, invece, quelli che servono per diventare ciò che formalmente si chiama «il portalettere»? Vediamo cosa bisogna fare per diventare postino.

Diventare postino: i requisiti

Non serve necessariamente una laurea per poter diventare postino. Leggendo i requisiti richiesti da Poste Italiane per fare un mestiere tutt’altro che scomparso – nonostante oggi si scrivano più e-mail e messaggi di WhatsApp che lettere da inviare con busta e francobollo – si scopre che basta un diploma di scuola media superiore, purché il liceo non sia stato solo un divertimento: è necessaria una votazione minima di 70/100. Se, invece, si ha la laurea, occorre aver concluso il percorso universitario con almeno 102/110. Chi non ha un titolo di studio, non deve nemmeno disturbarsi a presentare la domanda, perché non verrà ammessa.

Nei piccoli paesini, può darsi che il postino ami fare la consegna delle lettere o di qualche pacco poco pesante a piedi. Tuttavia, per diventare postino è necessario avere una patente di guida in corso di validità per poter guidare quello che Poste Italiane chiama «il motomezzo aziendale». La moto messa a disposizione, insomma.

C’è un requisito particolare che riguarda la sola Provincia autonoma di Bolzano: gli aspiranti postini devono essere in possesso del patentino del bilinguismo. Verrebbe da suggerire che sarebbe meglio avere quello del «trilinguismo»: si sa mai che, oltre che in italiano e in tedesco, ci si debba rivolgere a qualcuno anche in ladino.

Pure il fisico, o meglio la salute, ha la sua importanza, come per qualsiasi mestiere. Significa che il candidato postino deve essere in possesso dell’idoneità generica al lavoro. In caso di assunzione, tale attitudine dovrà essere documentata dal certificato medico rilasciato dalla propria Asl di appartenenza o dal proprio medico curante. In ogni caso, il certificato deve riportare il numero di registrazione del medico presso la propria Asl di appartenenza.

Diventare postino: la selezione

Per partecipare alla selezione che consente di poter diventare postino, è necessario, prima di tutto, candidarsi tramite il sito di Poste Italiane, nella sezione «Carriere» e selezionando nel menù «Lavora con noi» oppure «Posizioni aperte».

Il candidato verrà convocato dall’ufficio Risorse umane territoriali di Poste Italiane in uno di questi due modi:

  • convocazione presso una sede dell’azienda per la somministrazione di un test di ragionamento logico;
  • tramite un’e-mail all’indirizzo di posta elettronica indicato in fase di adesione all’annuncio. L’e-mail sarà spedita dalla Società Giunti OS “info.internet-test@giuntios.it” incaricata da Poste Italiane per la somministrazione del test di selezione (ragionamento logico) e conterrà l’indirizzo Internet a cui collegarsi per effettuare il test e tutte le spiegazioni necessarie per il suo svolgimento. Eventuali richieste di chiarimenti sulla selezione non dovranno essere inviate alla Società Giunti OS ma esclusivamente all’indirizzo evidenziato nel testo dell’e-mail.

Superata la prima selezione, che consiste nel test attitudinale in sede o via e-mail, il candidato verrà di nuovo contattato per la seconda fase, che prevede un colloquio e la prova d’idoneità alla guida del motomezzo che sarà effettuata su un motomezzo 125 cc a pieno carico di posta.

Diventare postino: il contratto e la destinazione

Se tutto va in porto, Poste Italiane procederà all’assunzione. Di norma, si tratta di un contratto a tempo determinato con una durata variabile a seconda delle esigenze dell’azienda.

Il neo-postino potrà scegliere anche una destinazione tra quelle indicate nell’offerta di lavoro, sempre in base alle necessità di Poste Italiane.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube