Diritto e Fisco | Articoli

Arriva la portabilità dei conti correnti: entro 14 giorni. Risarcimento per i ritardi

25 Novembre 2013
Arriva la portabilità dei conti correnti: entro 14 giorni. Risarcimento per i ritardi

Banche: arriva la possibilità di trasferire gratuitamente il proprio conto corrente a un altro istituto di credito; se la banca di origine non effettua il trasferimento del conto e dell’eventuale saldo attivo entro 14 giorni dovrà risarcire il cliente.

Proprio come già avviene con le compagnie telefoniche, con cui l’utente può trasferire il proprio numero di cellulare ad un differente operatore, ora la cosiddetta “portabilità” arriva anche per i conti correnti. Il cliente, cioè, potrà trasferire il proprio rapporto di conto da una banca a un’altra (purché le banche coinvolte aderiscano ai protocolli tecnici interbancari italiani). Con il trasferimento, la banca di destinazione subentra nei mandati di pagamento e riscossione conferiti alla banca d’origine, ma le condizioni contrattuali saranno, ovviamente, quelle stabilite dalla banca di destinazione.

Se ne parlava ormai da molto tempo. In passato erano stati fatti già numerosi passi in questa direzione, con la trasferibilità dei Rid (la domiciliazione delle bollette e dei pagamenti periodici) che risale al febbraio del 2007; la trasferibilità di dati del mutuo (maggio 2008); la trasferibilità degli addebiti pre-autorizzati ma non Rid e relativi a rate di mutuo e/o prestito (luglio 2009); la trasferibilità degli strumenti finanziari (dicembre 2009).

Oggi, finalmente, con l’emendamento presentato ieri alla legge di stabilità in commissione Finanze al Senato, se approvato, i correntisti potranno trasferire, a costo zero, presso un’altra banca, tutti i servizi di pagamento e riscossione di cui usufruiscono sul proprio conto corrente.

In questo modo si intende favorire la trasparenza e una maggiore concorrenza tra gli istituti di credito, con riferimento ai servizi concessi ai consumatori.

La trasferibilità non dovrà comportare alcun costo per il cliente e dovrà avvenire entro massimo 14 giorni lavorativi. Entro tale scadenza, scatterà l’estinzione del rapporto di conto corrente con la banca di origine e quest’ultima dovrà trasferire, alla banca di destinazione, l’eventuale saldo in favore del cliente.

Se il trasferimento non verrà perfezionato entro i 14 giorni lavorativi per responsabilità della banca d’origine quest’ultima dovrà risarcire il cliente in una misura pari all’1% del saldo per ciascun mese o frazione di mese di ritardo.


note

Autore foto: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

3 Commenti

  1. Buonasera,
    La mia situazione e’ presto sintetizzata:
    il 23 Gennaio la Banca del Piemonte invia ad Intesa la mia richiesta di trasferimento del Conto Corrente e del Conto Titoli.
    Dopo circa 15 giorni Intesa asserisce di non aver ricevuto la raccomandata e telefonicamente assicura che inizia la portabilita’
    Oggi 19 Febbraio ancora non e’ stato dato corso al trasferimento anche se Intesa telefonicamente dice di aver provveduto (???).
    Qualcuno mi puo’ aiutare visto che e’ passato quasi un mese?
    Grazie anticipatamente.
    Pietro

    1. L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

      Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi al portale https://www.laleggepertutti.it. Sul menu di sinistra troverà, sotto la voce rossa “servizi”, l’opzione “Richiedi consulenza”.
      Lo stesso risultato si può raggiungere cliccando sulla scritta, posta sopra ogni articolo, “Richiedi consulenza su questo argomento”.

      A quel punto, il sistema La guiderà nel pagamento attraverso carta di credito, Paypal o Postepay.

      Si tratta di un’operazione molto semplice e dal modico prezzo (euro 29,00 iva compresa) che ci consente di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

  2. Il 31/10/2016 presso ag. Cariparma abbiamo richiesto la chiusura del c.c. riconsegnando il blocchetto assegni e carte bancomat ,chiedendo di versare con bonifico presso altra banca la liquidità presente sul conto. Ancora oggi non è stato fatto . Chiedo se ci sono gli estremi per un eventuale risarcimento ? Grazie distinti saluti .

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube