Superbonus 110%: i passaggi per la cessione del credito

9 Settembre 2020 | Autore:
Superbonus 110%: i passaggi per la cessione del credito

Prima del colloquio con la banca si dovrà passare da una società esterna per la verifica dei requisiti richiesti.

Non basta il colloquio con la banca per effettuare la cessione del credito prevista per il superbonus del 110%: chi vuole usufruire della possibilità di fare dei lavori gratis in casa attraverso questa opzione alternativa alla maxi-detrazione dovrà prima sottoporsi ad una sorta di esame con una società esterna all’istituto di credito per una valutazione sul rispetto dei requisiti che danno accesso al beneficio. Poi, sarà la banca a verificare se il cliente è in grado di sostenere l’impegno.

Questo è il doppio passaggio deciso da alcuni istituti. Alle società esterne viene affidato il compito di controllare, ad esempio, la tipologia dell’immobile oggetto dei lavori di miglioramento energetico, le unità coinvolte nell’opera, se si tratta di condominio o di abitazioni unifamiliari, la categoria catastale, ecc. E, ovviamente, se c’è un credito da cedere.

Solo dopo questa verifica, si arriva al colloquio con la banca, nel corso del quale l’istituto collegherà la cessione del credito ad un prestito ponte per dare il via ai lavori.

In entrambe le fasi, sarà necessario presentare i vari documenti necessari per accedere al superbonus, dalle asseverazioni ai visti di conformità alle attestazioni rilasciate dai professionisti abilitati.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Come al solito le banche stanno cercando un metodo per guadagnare anche dove non dovrebbero guadagnare. Il ricorso ad un terzo per la verifica delle condizioni tecniche è già prescritto dalla legge con il sistema delle “asseverazioni” in cui c’è un tecnico che certifica il rispetto delle norme, la banca ovviamente non si fida e ricorre ad un terzo. Successivamente la banca verificherà se il cliente è in grado di sostenere l’impegno, ma se siamo al 110% quale è l’impegno? Si parla di prestito ma se è il governo a finanziare l’operazione verso chi sarebbe il prestito?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube