Sì agli scooter a 3 ruote in autostrada

9 Settembre 2020 | Autore:
Sì agli scooter a 3 ruote in autostrada

La riforma del Codice della strada sta per consentire la possibilità di guidare questi ciclomotori sulla rete autostradale, dopo varie conferme e smentite.

Pare sia la volta buona. Con la riforma del Codice della strada che sta per essere approvata dalla Camera, gli scooter a 3 ruote potranno circolare in autostrada. Si metterebbe così la parola «fine» a un’altalena di conferme e di smentite che dondola da diverso tempo, tra emendamenti presentati e poi bocciati.

Questa possibilità interessa solo gli scooter a 3 ruote che, secondo la normativa, sono i ciclomotori a 50 cc per il trasporto passeggeri. Resterebbero, dunque, esclusi quelli utilizzati per scopi commerciali, come la classica e mitica Apecar.

Per guidare questi scooter è necessaria la patente AM, cioè la stessa richiesta per poter circolare in sella ad un ciclomotore a due ruote (il «cinquantino», per intenderci). Tale permesso consente la guida anche di veicoli a tre ruote di velocità non superiore a 45 km/h e:

  • di cilindrata pari o inferiore a 50 centimetri cubi se ad accensione comandata;
  • di potenza massima netta pari o inferiore a 4 kW per gli altri motori a combustione interna;
  • di potenza nominale continua massima pari o inferiore a kW per i motori elettrici.

Questa patente si può ottenere a 14 anni, ma è necessario raggiungere l’età di 16 anni per poter trasportare un passeggero.

È obbligatorio l’uso del caso, tranne quando il centauro è alla guida di uno scooter a 3 ruote dotato di:

  • carrozzeria chiusa;
  • cellula di sicurezza a prova di crash, nonché di sistemi di ritenuta e di dispositivi atti a garantire l’utilizzo del veicolo in condizioni di sicurezza.

I trasgressori rischiano una multa da 83 a 333 euro e il fermo amministrativo del mezzo per 60 giorni, o per 90 giorni in caso di recidiva nel biennio. Sanzioni, però, che potrebbero essere riviste al rialzo nel momento in cui questo tipo di scooter potrà circolare in autostrada.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube