Sanatoria colf e badanti: gli importi e come pagare

10 Settembre 2020 | Autore:
Sanatoria colf e badanti: gli importi e come pagare

Pubblicato l’ammontare dei contributi per la regolarizzazione dei lavoratori stranieri: dai 300 euro per il settore agricolo ai 156 per i domestici.

Sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale gli importi forfettari da versare da parte di chi ha chiesto entro il 15 agosto scorso di accedere alla sanatoria per regolarizzare colf, badanti ed altri lavoratori stranieri che finora hanno prestato la loro opera in nero. L’importo del contributo varia a seconda del settore in cui sono impiegati i lavoratori e per ciascun mese o frazione di mese di prestazione irregolare è pari a:

  • 300 euro per i settori dell’agricoltura, dell’allevamento e zootecnia, della pesca e acquacoltura e attività connesse;
  • 156 euro per i settori dell’assistenza alla persona per sé stessi o per componenti della propria famiglia, ancorché non conviventi, affetti da patologie o disabilità che ne limitino l’autosufficienza;
  • 156 euro per il settore del lavoro domestico di sostegno al bisogno familiare.

Il contributo può essere versato dai datori di lavoro con modello F24, riportando il codice tributo che sarà comunicato dall’Agenzia delle Entrate. Il modello dovrà essere compilato al momento della stipula del contratto di soggiorno per lavoro subordinato presso lo Sportello unico per l’immigrazione.

Un terzo dei soldi versati andranno al bilancio dello Stato, a titolo fiscale. Gli altri due terzi finiranno nelle casse dell’Inps, metà a titolo contributivo e metà per il successivo accreditamento al lavoratore, a titolo retributivo.

Al 15 agosto, data in cui è scaduto il termine per aderire alla sanatoria, sono state presentate 207.542 domande. Nella stragrande maggioranza dei casi (oltre 176mila), riguardavano la regolarizzazione di colf e badanti.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube