Lavoro: consulenti, emersione irregolare i possibili risvolti penali

11 Settembre 2020
Lavoro: consulenti, emersione irregolare i possibili risvolti penali

Roma, 10 set. (Labitalia) – Il decreto legge 19 maggio 2020, n. 34, contiene all’articolo 103 la norma ‘Emersione dei rapporti di lavoro’, secondo la quale i datori di lavoro possono presentare istanza per concludere un contratto di lavoro subordinato con cittadini stranieri presenti sul territorio nazionale oppure per dichiarare la sussistenza di un rapporto di lavoro irregolare, tuttora in corso, con cittadini italiani o stranieri. In riferimento alla seconda ipotesi, nell’ambito della procedura, si delineano diversi rischi di reato penale sia per il datore di lavoro che per il lavoratore. A questo specifico aspetto della normativa è dedicato il nuovo approfondimento della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro del 10 settembre 2020 ‘L’emersione dei rapporti di lavoro irregolare prevista dall’articolo 103 del decreto legge numero 34/2020′: dal reato di falsità ideologica in atto pubblico per chi presenti dichiarazioni o attestazioni mendaci a quello di falso materiale.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube