L’esperto | Articoli

Intestazione fiduciaria: ultime sentenze

24 Settembre 2020
Intestazione fiduciaria: ultime sentenze

Interposizione reale di persona; rilevanza nei rapporti obbligatori tra fiduciante e fiduciario; incidenza nei rapporti con la società e gli altri soci.

L’intestazione fiduciaria di partecipazioni societarie

L’intestazione fiduciaria di partecipazioni societarie, pur prevedendo l’obbligo del fiduciario di trasferirle successivamente al fiduciante, non riguarda il rapporto sociale, originando un’ipotesi di interposizione reale di persona, in virtù della quale l’interposto acquista la titolarità delle azioni o delle quote e, sebbene sia tenuto ad osservare un determinato comportamento convenuto in precedenza con il fiduciante nei rapporti interni con lui, tale obbligo, pur potendo incidere sulle concrete modalità di esercizio dei diritti sociali e di adempimento dei correlati doveri, non comporta alcun effetto nei rapporti con la società o gli altri soci, nei confronti dei quali viene in considerazione esclusivamente la titolarità formale della partecipazione.

(La S.C. ha espresso il principio in giudizio in cui risultava controversa l’applicabilità della clausola compromissoria, prevista per le controversie tra la società ed i soci o tra questi ultimi, e di cui ha escluso la vigenza nel caso di specie, poiché la lite atteneva al rapporto interno tra il fiduciario, intestatario delle partecipazioni, ed il fiduciante, in quanto una simile controversia non riguarda il rapporto sociale, mero presupposto, estraneo alla materia del contendere).

Cassazione civile sez. VI, 13/09/2019, n.22903

Lesione del diritto al trasferimento della partecipazione sociale

In tema di intestazione fiduciaria delle partecipazioni sociali, il fiduciante, il quale lamenti che la definitiva uscita della società del fiduciario, a seguito del mancato esercizio del diritto di opzione, sia dipesa dalla falsità della situazione patrimoniale, redatta dagli amministratori e sottoposta all’assemblea per l’abbattimento e la ricostituzione del capitale sociale ex art. 2447 c.c., è legittimato ad esperire l’azione individuale del terzo di cui all’art. 2395 c.c., per il risarcimento del danno a lui direttamente cagionato dalla lesione al diritto al ritrasferimento della partecipazione sociale.

Cassazione civile sez. I, 14/02/2018, n.3656

Giudizio sull’intestazione fiduciaria di partecipazione sociale

In tema di negozio fiduciario, la prova per testimoni è consentita ex 2721 ss. c.c. solo se il pactum fiduciae crei obblighi connessi e collaterali al regolamento contrattuale, senza contraddire il contenuto espresso di tale regolamento. Qualora, invece, il patto si ponga in antitesi con quanto risulta dal contratto, la mera qualificazione dello stesso come fiduciario non impedisce l’applicazione delle disposizioni che vietano la prova testimoniale dei patti aggiunti o contrari al contenuto di un documento.

Nel giudizio sull’intestazione fiduciaria della partecipazione del socio accomandante di società in accomandita semplice, il giudicato formatosi fra la società e il primo (presunto fiduciario), da cui deriva il giudicato implicito sulla reale qualità di socio accomandante di quest’ultimo, non rileva ai fini della prova dell’inesistenza del negozio fiduciario.

Tribunale Torre Annunziata, 30/05/2017, n.1557

Il fiduciante è legittimato ad impugnare le delibere assembleari?

Nell’ipotesi di intestazione fiduciaria di azioni o quote, l’esercizio dei diritti e dei poteri correlati alla titolarità della partecipazione sociale compete al fiduciario; nei rapporti esterni e, dunque, rispetto ai terzi ed alla stessa società delle cui partecipazioni si discute, deve considerarsi socio reale il soggetto fiduciario, intestatario effettivo della quota, in quanto il c.d. pactum fiduciae è efficace soltanto nei rapporti interni, tra fiduciante e fiduciario.

Alle medesime conclusioni circa la legittimazione del solo fiduciario all’esercizio, con effetto nei confronti della società, dei diritti connessi allo status di socio, deve pervenirsi anche nel caso in cui il fiduciante si trovi ad essere rappresentato da una società fiduciaria, istituzionalmente esercente attività di amministrazione di beni per conto di terzi; infatti, sebbene in tale ipotesi non si verifichi un trasferimento della proprietà sostanziale del bene, tuttavia, per effetto del mandato senza rappresentanza, la società fiduciaria acquisisce la formale titolarità delle quote del fiduciante, ed i terzi non potranno che far riferimento alla fiduciaria come soggetto legittimato all’esercizio dei diritti sociali.

L’esercizio dei diritti e dei poteri correlati alla titolarità della partecipazione sociale compete al fiduciario: il fiduciante di una quota del capitale sociale non è legittimato a impugnare una delibera assembleare di approvazione del bilancio (nella specie, il fiduciante faceva valere in giudizio l’invalidità di delibere per vizi riconducibili alle previsioni dell’art. 2479-ter c.c.).

Tribunale Roma sez. III, 21/02/2017, n.3410

L’inadempimento nel patto fiduciario

Nell’ipotesi di intestazione fiduciaria di quote societarie, il diritto del fiduciante ad ottenere il ‘ritrasferimento della quota’ da parte del fiduciario può essere fatto valere, in difetto di diversa previsione nel pactum fiduciae, dal giorno in cui il fiduciario riceve la richiesta di restituzione e rifiuta l’adempimento, considerato che prima di tale data sussiste solo un obbligo di trasferimento a richiesta del fiduciante e non una obbligazione inadempiuta.

Tribunale Massa, 03/02/2017, n.75

Diritto al risarcimento

In caso di intestazione fiduciaria di quote di una società a responsabilità limitata, il pactum fiduciae ha efficacia meramente obbligatoria tra le parti: qualora il fiduciario alieni le quote, in violazione di tale patto, il fiduciante non ha tutela reale e non può rivendicare il bene, avendo, eventualmente, diritto al solo risarcimento del danno nei confronti del fiduciario.

Tribunale Roma Sez. spec. Impresa, 25/08/2016

Intestazione fiduciaria di partecipazioni: chi può impugnare le delibere viziate?

Nell’ipotesi di intestazione fiduciaria di quote o azioni societarie, nei rapporti esterni, dunque rispetto ai terzi ed alla società delle cui partecipazioni si tratta, deve considerarsi socio reale il soggetto fiduciario, intestatario effettivo della quota, in quanto il pactum fiduciae è efficace solo nei rapporti interni, tra fiduciante e fiduciario.

Di conseguenza, solo il fiduciario, e non anche il fiduciante, è legittimato a far valere l’invalidità di delibere assembleari, per vizi riconducibili alle previsioni dei primi due commi dell’art. 2479-ter c.c.

Tribunale Roma sez. III, 30/06/2016

L’interposizione reale di persona

L’intestazione fiduciaria di quote di partecipazione societaria integra gli estremi dell’interposizione reale di persona, per effetto della quale l’interposto acquista la titolarità delle quote, pur essendo tenuto ad osservare un certo comportamento in virtù di un rapporto interno con l’interponente di natura obbligatoria. Il conferimento delle quote di partecipazione in una società di capitali in altra società partecipata dai medesimi conferenti non dà luogo all’insorgenza del diritto di prelazione da parte degli altri soci, non integrando una ipotesi di alienazione onerosa, ma costituendo un meccanismo negoziale riorganizzativo delle partecipazioni stesse.

Cassazione civile sez. I, 21/03/2016, n.5507

L’interposizione reale e non fittizia

L’intestazione fiduciaria di titoli azionari (o di quote di partecipazione societaria) integra gli estremi dell’interposizione reale di persona, per effetto della quale l’interposto acquista (a differenza che nel caso di interposizione fittizia o simulata) la titolarità delle azioni o delle quote, pur essendo, in virtù di un rapporto interno con l’interponente di natura obbligatoria, tenuto ad osservare un certo comportamento, convenuto in precedenza con il fiduciante, nonché a ritrasferire i titoli a quest’ultimo ad una scadenza convenuta, ovvero al verificarsi di una situazione che determini il venir meno del rapporto fiduciario.

Cassazione civile sez. I, 21/03/2016, n.5507

Da chi può essere esercitato il diritto di recesso?

Nell’ipotesi di intestazione fiduciaria di quote sociali, la società, che è soggetto terzo rispetto ai soci, è tenuta a considerare la sola situazione risultante dall’interposizione, ossia a considerare socio il fiduciario e ciò indipendentemente dalla sorte e dell’adempimento o meno del pactum fiduciae, tanto che il diritto di recesso può essere esercitato dal solo fiduciario e neppure la revoca del mandato da parte del fiduciante può avere effetti verso la società se non quando sia seguito della effettiva intestazione delle quote in capo al fiduciante.

(Nel caso di specie, il Tribunale ha quindi rigettato la domanda di revocazione della ammissione al passivo del credito del fiduciario ritenendo irrilevante l’esito del giudizio volto ad ottenere il riconoscimento della qualità di socio in capo al fiduciante).

Tribunale Pavia, 25/05/2011

L’intestazione fiduciaria di quote di srl

In tema di intestazione fiduciaria di quote di s.r.l., ove due soci paritetici abbiano incaricato un terzo di sottoscrivere e gestire una quota del capitale sociale, ciascuno dei due mandanti è legittimato ad agire nei confronti del fiduciario per far valere eventuali inadempimenti.

Tribunale Milano, 08/01/2009



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube