L’esperto | Articoli

Risarcimento del danno da lucro cessante: ultime sentenze

3 Gennaio 2022
Risarcimento del danno da lucro cessante: ultime sentenze

L’inadempimento; il ritardo; la perdita subita dal creditore.

La restituzione degli utili realizzati dall’autore dell’illecito

In tema di proprietà industriale, il titolare del diritto di privativa che lamenti la sua violazione ha facoltà di chiedere, in luogo del risarcimento del danno da lucro cessante, la restituzione (cd. retroversione) degli utili realizzati dall’autore dell’illecito, con domanda proposta ai sensi dell’art. 125 c.p.i., senza che sia necessario allegare specificamente e dimostrare che, agli utili realizzati dal contraffattore, sia corrisposto un mancato guadagno da parte sua.

Cassazione civile sez. I, 29/07/2021, n.21832

Utili realizzati dal contraffattore e domanda di retroversione

In tema di proprietà industriale, il titolare del diritto di privativa che lamenti la sua violazione ha facoltà di chiedere, in luogo del risarcimento del danno da lucro cessante, la restituzione (c. d. “retroversione”) degli utili realizzati dall’autore dell’illecito, con domanda proposta ai sensi dell’art.125, c.p.i., senza che sia necessario allegare specificamente e dimostrare che, agli utili realizzati dal contraffattore, sia corrisposto un mandato guadagno da parte sua.

Cassazione civile sez. I, 29/07/2021, n.21832

Risarcimento del danno da lucro cessante

Deve escludersi che la base di calcolo del danno da lucro cessante possa essere rappresentata dalla somma rivalutata al momento della liquidazione. Gli interessi in questione costituiscono, infatti, un criterio di commisurazione del danno da ritardato conseguimento di una somma di denaro che all’epoca del fatto era per definizione non rivalutata.

Tribunale Firenze sez. II, 22/07/2020, n.1741

Domanda di risarcimento danni da lucro cessante

Ai fini dell’ammissibilità della domanda di risarcimento del danno da lucro cessante o mancato guadagno a carico della p.a. (nella specie danni causati da provvedimenti del Ministero della salute di non ammissione all’importazione di integratori alimentari dichiarati illegittimi con sentenza), non è sufficiente la sola illegittimità del provvedimento o del comportamento omissivo, che costituisce soltanto uno degli indici presuntivi della colpevolezza dell’Amministrazione, ma è altresì necessaria la sussistenza dell’elemento soggettivo nella forma del dolo ovvero della colpa. Si deve, quindi, verificare se l’attività o l’inerzia sia connotata dalla violazione delle regole di imparzialità , correttezza e buona fede, alle quali l’esercizio della funzione deve costantemente ispirarsi.

Al fine di assolvere all’onere di prova della colpa, il privato danneggiato dalla p.a. può ricorrere all’istituto delle presunzioni semplici di cui all’art. 2227 e 2729 c.c., consentendo in tal modo al giudice di disporre una verificazione tecnica ai sensi dell’art. 66 cod. proc. amm. che, beninteso, non va a supplire all’onere probatorio gravante in materia di prova del danno del soggetto ricorrente, ma vale solo a valutare e verificare la congruità delle prove fornite da quest’ultimo.

T.A.R. Roma, (Lazio) sez. III, 26/08/2020, n.9264

Danno da lucro cessante per inadempimento di un contratto

In tema di risarcimento del danno da lucro cessante a seguito dell’inadempimento di un contratto la parte pregiudicata può provare con indizi secondo un giudizio di probabilità l’utilità patrimoniale che avrebbe conseguito se il contratto fosse stato adempiuto e il giudice può liquidarlo in via equitativa anche solo in base ad elementi certi offerti dalla controparte.

(Nel caso di specie si trattava di una scrittura privata del Comune con una società costituita apposta per l’installazione di impianti pubblicitari ecosostenibili su parte del compendio demaniale costituente il lungomare cittadino, in particolare utilizzando i pali della illuminazione e la relativa canalizzazione già in essere dove la Società a seguito dell’inadempimento aveva provato l’investimento economico effettuato su detta attività).

Tribunale Teramo, 03/03/2020, n.221

Risarcimento del danno da lucro cessante: l’efficacia probatoria

In tema di risarcimento del danno da lucro cessante conseguente ad un sinistro stradale, le dichiarazioni dei redditi hanno efficacia probatoria privilegiata, ai sensi dell’art. 4 della legge n. 39 del 1977.

Cassazione civile sez. VI, 22/06/2018, n.16506

Il danno da lucro cessante futuro da perdita del reddito

La richiesta di risarcimento del danno da perdita da chance non può essere avanzata insieme a quella di risarcimento del danno da lucro cessante futuro da perdita del reddito; i due danni sono, infatti, alternativi e alla vittima spetterà il risarcimento del lucro cessante qualora dimostri, specificatamente, di avere perduto un reddito che verosimilmente avrebbe realizzato, mentre, in mancanza di tale prova, le verrà riconosciuto il risarcimento del danno da perdita di chance.

Consiglio di Stato sez. III, 24/05/2018, n.3130

Diritto al risarcimento del danno da lucro cessante

L’accertamento di un’invalidità permanete in capo al danneggiato in seguito ad un sinistro stradale non comporta in automatico il diritto al risarcimento del danno patrimoniale da lucro cessante per menomazione della capacità di lavoro.

Cassazione civile sez. VI, 10/04/2018, n.8838

Risarcimento del danno da lucro cessante: il sinistro stradale

In tema di risarcimento del danno da lucro cessante conseguente ad un sinistro stradale, le dichiarazioni dei redditi hanno efficacia probatoria privilegiata, ai sensi dell’art. 4 della legge n. 39 del 1977 (cassata, nella specie, la sentenza impugnata che non aveva considerato tutti i redditi del danneggiato, atteso che il lucro cessante riconosciuto al ricorrente era stato determinato sulla base dei soli redditi professionali derivanti dalla attività svolta come singolo professionista senza considerare quelli derivanti dall’attività svolta in forma associata che ugualmente rientrano tra i redditi cui fare riferimento).

Cassazione civile sez. III, 31/08/2015, n.17294

La prova del danno emergente e del lucro cessante

Il risarcimento del danno da lucro cessante non può essere riconosciuto automaticamente, ma esige la prova dell’esistenza di elementi oggettivi e certi da cui desumente l’esistenza di un pregiudizio economicamente valutabile (nella specie, relativa ad alcuni danni presenti in un immobile, la Corte ha escluso la sussistenza del lucro cessante, atteso che dopo gli interventi di riparazione del danno, di natura modesta e non invasiva, l’immobile non aveva subito un decremento patrimoniale).

Cassazione civile sez. II, 11/05/2015, n.9484

Risarcimento del danno da lucro cessante e perdita di una chance

La perdita di una chance intesa come eventualità astratta, non è risarcibile acquistando valenza risarcitoria, solo se verificabile in termini di ragionevole probabilità del caso concreto e sempre che la perdita sia etiologicamente riconducibile al comportamento di un terzo. Il principio generale è che la lesione di un diritto deve tradursi in un concreto pregiudizio senza il quale la pretesa risarcitoria mancherebbe di oggetto. L’accoglimento di una domanda di risarcimento del danno da lucro cessante o perdita di chance esige la prova dell’esistenza di elementi oggettivi e certi dai quali desumere un pregiudizio economicamente valutabile.

Tribunale Teramo, 18/06/2014, n.887

La domanda di risarcimento del danno da lucro cessante

Per la liquidazione del danno da concorrenza sleale ai sensi del secondo comma dell’art. 125 c.p.i. non vi è necessità di alcuna autonoma domanda, perché essa si risolve pur sempre in una domanda di risarcimento del danno da lucro cessante.

Tribunale Milano, 17/03/2014

Liquidazione del risarcimento del danno da lucro cessante

In materia di appalto di opere pubbliche, l’applicazione dell’istituto della revisione prezzi presuppone l’effettiva esecuzione dei lavori per i quali è sollecitata una integrazione del corrispettivo nonché la mancanza di colpa da parte dell’Amministrazione, e quindi la non riferibilità all’inadempimento di quest’ultima dell’incremento dei costi venutosi a determinare, laddove, nel caso di ritardo per causa riferibile all’Amministrazione, il risarcimento del danno da lucro cessante può essere legittimamente liquidato riconoscendo – in corrispondenza al parametro valido nel caso di recesso – una percentuale di utile pari al dieci per cento del residuo corrispettivo, con esclusione dell’importo riconducibile alla revisione prezzi.

Cassazione civile sez. I, 26/06/2013, n.16152

Risarcimento del danno da lucro cessante: l’accoglimento della domanda

L’accoglimento della domanda di risarcimento del danno da lucro cessante o da perdita di chance esige la prova, anche presuntiva, dell’esistenza di elementi oggettivi e certi dai quali desumere, in termini di certezza o di elevata probabilità e non di mera potenzialità, l’esistenza di un pregiudizio economicamente valutabile.

Cassazione civile sez. III, 14/05/2013, n.11548

L’esistenza di un pregiudizio economicamente valutabile

Nel vigente ordinamento il diritto al risarcimento del danno conseguente alla lesione di un diritto soggettivo non è riconosciuto con caratteristiche e finalità punitiva ma in relazione all’effettivo pregiudizio subito dal titolare del diritto leso né il medesimo ordinamento consente l’arricchimento se non sussista una causa giustificatrice dello spostamento patrimoniale da un soggetto all’altro; ne consegue che, pure nelle ipotesi di danno “in re ipsa”, in cui la presunzione si riferisce soltanto all’”an debeatur” (che presuppone soltanto l’accertamento di un fatto potenzialmente dannoso in base ad una valutazione anche di probabilità o di verosimiglianza secondo l’”id plerumque accidit”) e non alla effettiva sussistenza del danno e alla sua entità materiale, permane la necessità della prova di un concreto pregiudizio economico ai fini della determinazione quantitativa e della liquidazione del danno per equivalente pecuniario.

Quindi l’accoglimento della domanda di risarcimento del danno da lucro cessante o da perdita di “chance” esige la prova, anche presuntiva, dell’esistenza di elementi oggettivi e certi dai quali desumere, in termini di certezza o di elevata probabilità e non di mera potenzialità, l’esistenza di un pregiudizio economicamente valutabile.

Tribunale Milano Sez. Proprieta’ Industriale e Intellettuale, 20/07/2012, n.8878



Sostieni laleggepertutti.it

"La Legge per Tutti" è una testata giornalistica indipendente che da oltre 10 anni informa gratuitamente milioni di persone ogni mese senza il supporto di finanziamenti pubblici. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube