Il Covid cambia le pagelle fiscali

12 Settembre 2020 | Autore:
Il Covid cambia le pagelle fiscali

La prossima revisione degli Isa terrà conto degli effetti del lockdown e della crisi, distinguendo l’impatto subito dai diversi settori economici coinvolti.

Modifiche in arrivo per gli Isa, gli indici sintetici di affidabilità comunemente chiamati “pagelle fiscali“: l’emergenza Covid impone di considerare l’effetto negativo provocato dal lockdown su imprese, esercizi commerciali e professionisti, ma anche la crisi economica che tuttora pesa su moltissimi operatori.

Così il Governo si accinge a mettere a punto dei correttivi, da inserire nelle tabelle dei settori interessati per tenere conto delle perdite provocate dalla pandemia. La notizia emerge dalla riunione della Commissione degli esperti Isa svolta ieri, che ha stabilito il calendario dei lavori per arrivare alla revisione di 87 indici; per 37 di essi, gli incontri sono già programmati a partire dalla prossima settimana e i lavori si concluderanno il 25 novembre.

È proprio in questi tavoli che si lavorerà per individuare i correttivi mirati, in modo da stimare a quanto ammonta la contrazione dei ricavi o dei compensi subiti da aziende, negozi e lavoratori autonomi con partita Iva. Gli Isa in corso di elaborazione infatti riguarderanno l’anno di imposta 2020 e dovranno tenere conto di questi elementi negativi subiti dai contribuenti nelle varie categorie.

Uno dei maggiori problemi in campo è dato dal fatto che l’attuale crisi provocata dal Coronavirus avrà effetti e ripercussioni anche sul lungo termine: molti settori economici avranno difficoltà a risollevarsi dal crollo del fatturato e dei ricavi che ancora stenta a riprendere i livelli normali pre-emergenza. L’anno 2020 è sicuramente anomalo sotto il profilo fiscale e di questo andrà tenuto conto nell’elaborazione degli indici valevoli per il periodo in esame.

Così bisognerà individuare chi ha risentito maggiormente gli effetti della crisi, innanzitutto distinguendo le categorie che sono rimaste aperte durante il lockdown e quelle che, invece, hanno subito lo stop dell’attività, ma anche tenendo conto di chi ha stentato a riprendere l’attività ed ha tuttora difficoltà a mantenerla.

Ed ancora, occorrerà considerare le imprese e gli esercizi che hanno dovuto sostenere notevoli costi per adeguare stabilimenti, uffici ed altri locali alle norme di sicurezza anti-Covid, ad esempio installando barriere protettive o realizzando modifiche per garantire il distanziamento e dotando i dipendenti dei dispositivi di protezione: le spese in questo senso sono notevolmente aumentate, non potevano essere previste in anticipo e non possono essere paragonate a quelle sostenute nei periodi precedenti.

Il lavoro, dunque, si preannuncia difficile e si prevede anche un confronto molto acceso tra l’amministrazione finanziaria – tra cui i primi attori saranno l’Agenzia delle Entrate e la Sose,  l’apposita società partecipata dal ministero dell’Economia e Finanze per l’elaborazione degli Isa – e le associazioni rappresentative delle categorie coinvolte.

Sose ha già annunciato che renderà pubblici gli esiti degli incontri sul proprio sito ed anche sui suoi account social, promettendo un linguaggio semplificato per la diffusione di informazioni accessibili. Del resto, la comunicazione digitale rientra tra i compiti svolti dalla società, alla quale è attribuito un ruolo informativo comprensibile anche ai non addetti ai lavori, che così potranno apprendere online ciò che il Fisco sta preparando per loro.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube