Cronaca | News

Covid: Berlusconi torna a casa

14 Settembre 2020
Covid: Berlusconi torna a casa

Disposte le dimissioni ospedaliere dell’ex premier, ricoverato al San Raffaele. Ora dovrà restare in isolamento domiciliare fino al secondo tampone negativo.

Dopo 12 giorni di ricovero, Silvio Berlusconi è stato dimesso dall’ospedale San Raffaele di Milano e oggi stesso rientrerà nella propria abitazione. L’ex premier era risultato positivo al Covid-19 e dopo i primi giorni trascorsi in isolamento domiciliare si era reso necessario il suo ricovero ospedaliero, per un aggravamento dovuto all’instaurarsi di una polmonite bilaterale, ritenuta preoccupante nell’83enne anche per le sue patologie pregresse.

Nei giorni successivi, le condizioni cliniche del Cavaliere sono progressivamente migliorate fin quando stamattina è arrivata la decisione di dimetterlo. Evidentemente la terapia combinata di antibiotici e farmaci antivirali ha avuto effetto positivo.

«È stata la prova più pericolosa della mia vita. La mia carica virale è stata la più alta tra decine di migliaia osservate al San Raffaele», ha dichiarato Silvio Berlusconi all’uscita dall’ospedale e, dopo aver ringraziato il presidente della Repubblica, i medici curanti e tutti coloro che gli sono stati vicini durante la malattia, ha invitato tutti gli italiani a «non sottovalutare il pericolo e mantenere alta la soglia di attenzione, rispettando rigorosamente le regole e le prescrizioni sanitarie: è un dovere verso noi stessi e la collettività».

Adesso, Berlusconi proseguirà la convalescenza a casa e dovrà restare in isolamento, secondo quanto apprende la nostra agenzia stampa Adnkronos, presso la propria residenza di Arcore, fino a quando non effettuerà un secondo tampone con esito negativo.

Nel frattempo, sono risultati positivi anche i figli dell’ex premier, Marina, Barbara e Luigi, e la sua attuale fidanzata Marta Fascina. Le condizioni dell’ex presidente del Consiglio sono state costantemente monitorate dal dottor Alberto Zangrillo, suo medico personale e primario dell’istituto ospedaliero San Raffaele di Milano.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube