L’esperto | Articoli

Cancellazione dal registro imprese: ultime sentenze

10 Ottobre 2020
Cancellazione dal registro imprese: ultime sentenze

L’estinzione della società cancellata; la legittimazione inerente ai rapporti giuridici sospesi, sopravviventi o sopravvenuti.

La cancellazione dal registro imprese

Sulla base dell’art. 2495 c.c., la cancellazione della società dal registro delle imprese, a partire dal momento in cui si verifica l’estinzione della società cancellata, priva la società stessa della capacità di stare in giudizio (con la sola eccezione della “fictio iuris” contemplata dall’art. 10 l. fall.); pertanto, qualora l’estinzione intervenga nella pendenza di un giudizio del quale la società è parte, si determina un evento interruttivo, disciplinato dagli artt. 299 e ss. c.p.c., con eventuale prosecuzione o riassunzione da parte o nei confronti dei soci, successori della società, ai sensi dell’art. 110 c.p.c., con la precisazione che l’atto di riassunzione del processo non introduce un nuovo procedimento, ma esplica esclusivamente la funzione di consentire la prosecuzione di quello già pendente, per cui non possono essere ammesse domande nuove.

Tribunale Milano sez. VII, 24/07/2018, n.8300

La legittimazione sostanziale e processuale della società 

In ambito tributario, la cancellazione ed estinzione della società ha come effetto il venir meno della legittimazione sostanziale e processuale della stessa, nonché la preclusione per l’ufficio di emanare o notificare atti impositivi nei confronti di un soggetto inesistente. In caso di cancellazione dal Registro Imprese prima della data di entrata in vigore dell’art. 28, comma 4, d.lgs. n. 175/2014, tale ultima norma non può essere applicata.

Comm. trib. prov.le Milano sez. VIII, 08/05/2018, n.1967

La cessata della materia del contendere per carenza di interesse

Ove una società si estingua a seguito di cancellazione dal registro delle imprese, i diritti e i beni si trasferiscono ai soci, in regime di contitolarità o di comunione indivisa; la cancellazione implica, invece, rinuncia all’esercizio di mere pretese, ancorché azionate o azionabili in giudizio, e dei diritti di credito, controversi o illiquidi, la cui inclusione nel bilancio di liquidazione avrebbe necessitato di una ulteriore attività giudiziale o stragiudiziale da parte del liquidatore. Ciò comporta la preclusione di ogni valutazione sulla fondatezza nel merito della pretesa azionata in giudizio dalla società attrice, perché la stessa, cancellandosi volontariamente dal Registro delle imprese, in pendenza del processo, ha provato di non volerla ulteriormente coltivare.

Tribunale Napoli sez. II, 09/02/2018, n.1455

Cancellazione dal registro imprese e responsabilità dei soci

La cancellazione della società dal registro delle imprese ha carattere estintivo. A seguito di tale evento i creditori della società possono agire nei confronti dei soci fino a concorrenza di quanto questi ultimi abbiano riscosso in base al bilancio finale di liquidazione. L’azione dell’Ufficio esercitata nei confronti della società ormai estinta, e non dei soci, è da ritenersi inammissibile per inesistenza di uno dei soggetti del rapporto processuale.

Comm. trib. prov.le Milano sez. XLII, 11/06/2013, n.176

Cancellazione della società dal registro delle imprese: cosa comporta?

Dopo la cancellazione dal registro delle imprese sono i soci a conservare la legittimazione inerente ai rapporti giuridici sospesi, sopravviventi o sopravvenuti. Sui beni non liquidati rimasti in capo alla società al momento dell’iscrizione della cancellazione si forma automaticamente una comunione dei soci, le cui quote sarebbero proporzionali “alla quota di liquidazione ricevuta”.

Il subentro dei soci alla società estinta rispetto alle sopravvivenze attive va considerato acquisito a titolo derivativo ed il titolo di tale acquisto è il bilancio finale di liquidazione e il piano di riparto.

La cancellazione della società dal registro delle imprese produce l’estinzione della società e la perdita irreversibile della soggettività giuridica dell’ente indipendentemente dalla sopravvivenza o sopravvenienza di elementi patrimoniali attivi o passivi e di eventuali pendenze. Il ricorso proposto dalla società estinta, in persona del liquidatore, è inammissibile.

Comm. trib. prov.le Milano sez. XXII, 05/12/2012, n.291

Richiesta di cancellazione dal registro imprese

È illegittima la pretesa avanzata dall”Amministrazione Finanziaria nei confronti dei liquidatori della società che abbia presentato richiesta di cancellazione dal Registro Imprese, attraverso il deposito del bilancio finale di liquidazione in cui si attesti la mancanza di debiti, qualora la stessa non dimostri che i liquidatori abbiano provveduto al pagamento di crediti di ordine inferiore a quelli tributari ovvero abbiano assegnato beni ai soci senza aver prima soddisfatto i crediti tributari.

Comm. trib. prov.le Bolzano sez. I, 03/10/2012, n.103

Società di persone: la cancellazione dal registro imprese

Al pari delle società di capitali anche per le società di persone la relativa cancellazione dal Registro Imprese dà luogo ad un evento non più ritrattabile.

Tribunale Vicenza, 21/07/2011

Pubblicità nel registro delle imprese

È fondata sulle prove fomite dall’istante p.m. al tribunale ed alla Corte d’appello la decisione che nega la reale esistenza del trasferimento di sede e dell’attività d’impresa della società per cui è causa, dovendo escludersi il presupposto di fatto del dedotto difetto di giurisdizione del giudice italiano, costituito dalla circostanza, presunta dalla normativa comunitaria sulle procedure concorsuali, che il centro di interessi e l’attività di impresa sia nel paese ove ha “trasferito” la sua sede l’impresa collettiva (e quindi in Romania e non in Italia alla data dell’istanza di fallimento dello stesso p.m.). La cancellazione dal registro imprese produce l’effetto dell’estinzione della società a responsabilità limitata.

La novella della riforma del 2003 non ha modificato la disciplina della pubblicità nel registro delle imprese incidendo nel sistema solo con la configurazione di un effetto analogo per te società commerciali di persone sulla loro limitata soggettività, che non esclude la natura comunque dichiarativa dell’iscrizione nel registro delle imprese.

Il giudice del registro con decreto ai sensi dell’art. 2191 c.c. può ritenere insussistenti le condizioni di legge per la estinzione della società di cui alla cancellazione iscritta su istanza degli amministratori e può ordinare quindi che la iscrizione di tale vicenda fosse a sua volta cancellata con pubblicità dichiarativa della inesistenza della estinzione. La pubblicità data al decreto del giudice del registro comporta la presunzione della continuazione delle attività societarie.

Cassazione civile sez. un., 09/04/2010, n.8426



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube