Diritto e Fisco | Articoli

Il rendiconto condominiale: cos’è

18 Novembre 2020
Il rendiconto condominiale: cos’è

I condòmini devono poter valutare l’attività dell’amministratore del condominio attraverso uno strumento che consenta loro di sindacare la gestione annuale.

Hai acquistato un immobile in un complesso condominiale. Vuoi entrare nel dettaglio delle spese condominiali visto che, ogni trimestre, ti vengono richiesti oneri di condominio molto alti. Vuoi sapere se esiste uno strumento che consente ai condòmini di sindacare sull’operato dell’amministratore e sulla gestione condominiale.

All’interno di un condominio la gestione delle cose comuni, anche dal punto di vista economico, è demandata ad un soggetto terzo al quale vengono affidati compiti gestori: l’amministratore del condominio. Ma chi controlla il suo operato? Come fanno i condòmini a conoscere cosa ha fatto e cosa non ha fatto? Per garantire una maggiore trasparenza nella gestione condominiale, la riforma del condominio del 2012 ha introdotto il rendiconto condominiale. Cos’è questo strumento?

Con tale documento si cerca di rendere la gestione condominiale trasparente e, soprattutto, conoscibile da parte di tutti i condòmini. Tale rendiconto, infatti, fa luce su tutta la gestione economica del condominio.

Rendiconto condominiale: cos’è?

La riforma del condominio [1] ha modificato profondamente la disciplina legislativa del condominio. Tra le tante innovazioni apportate da questa riforma, il legislatore ha introdotto una nuova disposizione nel codice civile [2] che ha introdotto il cosiddetto rendiconto condominiale.

In base alla disposizione codicistica, tale documento deve contenere le voci di entrata e le voci di uscita, nonché ogni altro dato che si riferisce alla situazione economica e patrimoniale del condominio. Il rendiconto, inoltre, deve fare luce sui fondi disponibili e sulle eventuali riserve. Tutte le informazioni presenti nel documento devono essere indicate in modo tale da permetterne l’immediata verifica.
La norma precisa anche quali devono essere le parti in cui si compone questo documento. Il rendiconto, più nel dettaglio, deve comporsi:
  • di un registro di contabilità;
  • di un riepilogo finanziario;
  • di una nota sintetica che illustri la gestione, indicando anche i rapporti in corso e le eventuali questioni pendenti.

Rendiconto condominiale: i diritti dei condòmini

Come abbiamo detto la finalità del rendiconto condominiale è consentire ai condòmini di essere sempre informati su come vengono spesi i loro soldi e su qual è la situazione economico-finanziaria del condominio.

Non può, infatti, sfuggire che il condominio si finanzia proprio con le spese condominiali versate dai condòmini, in proporzione alle proprie quote di proprietà esclusiva, ed è quindi logico che ai condòmini stessi siano dati ampi poteri di verifica sulle modalità di gestione di tali soldi. Inoltre, i condòmini, attraverso l’assemblea condominiale, possono nominare e revocare l’amministratore di condominio ogni anno e devono, dunque, avere degli strumenti a disposizione per valutarne l’operato. Per questo i condòmini hanno, sul rendiconto condominiale, una serie di diritti.

In particolare:

  • l’assemblea dei condòmini può, in ogni momento, nominare un revisore contabile al fine di verificare la contabilità del condominio;
  • le scritture contabili e i documenti giustificativi su cui si basa la contabilità condominiale devono essere conservati per dieci anni dalla data della relativa registrazione;
  • i condòmini e i titolari di diritti reali o di godimento sulle unità immobiliari che fanno parte del condominio hanno il diritto di prendere visione dei documenti giustificativi di spesa relativi al condominio in ogni tempo e di farne una copia a loro spese.

Rendiconto condominale: gli obblighi dell’amministratore

La riforma del 2012 ha, in particolare, inciso profondamente sugli obblighi dell’amministratore di condominio in relazione al rendiconto condominiale. In particolare, in base alle nuove regole, l’amministratore deve redigere il rendiconto condominiale con cadenza annuale e deve sottoporre tale documento all’approvazione dell’assemblea condominiale. Inoltre, all’amministratore del condominio è demandato il compito di eseguire gli adempimenti fiscali che derivano dal rendiconto condominiale stesso.
Al fine di assicurare l’assoluta trasparenza nei movimenti di denaro effettuati con la cassa condominiale, si prevede che l’amministratore debba garantire la tracciabilità delle operazioni di entrata ed uscita. A tal fine, è previsto che l’amministratore faccia transitare le somme ricevute a qualsiasi titolo dai condòmini o da soggetti terzi, nonché quelle per qualsiasi ragione erogate per conto del condominio, su uno specifico conto corrente, intestato al condominio stesso.
La rendicontazione periodica relativa a tale conto corrente può essere accessibile da ogni condòmino. L’amministratore che non adempie correttamente a tali obblighi rischia di incorrere in sanzioni e di essere revocato dall’assemblea dei condòmini per inadempimento.

note

[1] L. 220/2012.

[2] Art. 1130 bis cod. civ.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube