L’esperto | Articoli

Pagamento cambiali: ultime sentenze

22 Settembre 2020
Pagamento cambiali: ultime sentenze

Autonomia del mandato rispetto all’obbligazione cambiaria; terzietà della banca rispetto all’obbligazione cartolare; mancato pagamento; cessione di titoli cambiari.

Pagamento di cambiali

Nella cessione pro solvendo di un credito in luogo di adempimento – anche mediante dazione in pagamento di cambiali attuata tramite la girata dei titoli – la estinzione della obbligazione originaria si verifica solo con la riscossione del credito verso il debitore ceduto e, pertanto, in applicazione dell’articolo 2697, comma 2, c.c., il debitore convenuto per l’adempimento di una obbligazione il quale ne eccepisca la estinzione tramite l’avvenuta cessione pro solvendo di crediti ha l’onere non solo di dimostrare la cessione stessa, ma anche la estinzione del debito ceduto.

Cassazione civile sez. II, 16/04/2015, n.7820

Mancato pagamento cambiali

In tema di prova dell’esistenza di un mandato di pagamento di cambiali conferito dal correntista alla banca, costituiscono circostanze rilevanti sia la domiciliazione presso l’istituto bancario, dovendosi presumere ai sensi dell’art. 4 legge cambiaria che il terzo domiciliatario fosse autorizzato a provvedere al pagamento, sia la predisposizione della provista da parte del cliente.

Tribunale S.Maria Capua V. sez. II, 22/04/2020

Domiciliazione della cambiale presso la banca 

In tema di prova dell’esistenza di un mandato di pagamento di cambiali conferito dal correntista alla banca, costituiscono circostanze rilevanti sia la domiciliazione presso l’istituto bancario, dovendosi presumere ai sensi dell’art. 4 legge cambiaria che il terzo domiciliatario fosse autorizzato a provvedere al pagamento, sia la predisposizione della provvista da parte del cliente, mentre è ininfluente l’eventuale falsità della sottoscrizione sui titoli da parte dell’obbligato cambiario, perché il contratto bancario è negozio autonomo e l’istituto di credito mandatario è terzo rispetto all’obbligazione cartolare.

Cassazione civile sez. I, 31/10/2007, n.22960

Accreditamenti sul conto corrente bancario

Non possono considerarsi rimesse di natura solutoria, come tali revocabili ai sensi dell’art. 67 comma 2 l. fall., gli accreditamenti sul conto corrente bancario di somme versate in contanti affinché la banca provveda al pagamento di cambiali emesse dal correntista in favore di terzi.

Corte appello Napoli, 13/06/2003

Dovere di correttezza e probità

Pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante, perché lesivo del dovere di correttezza e probità a cui ciascun professionista è tenuto, l’avvocato che trattenga somme di spettanza del cliente, richieda compensi per attività non svolta e ometta di provvedere al pagamento di cambiali emesse a seguito della transazione conclusa per la riparazione degli addebiti contestati.

Cons. Naz.le Forense, 17/07/2002, n.101

Cancellazione del protesto

L’art. 3 comma 3 l. n. 77 del 1955 – il quale prevede la possibilità della cancellazione del protesto dai due esemplari dell’elenco dei protesti prescritti dal procedente art. 2 nel caso di pagamento di cambiali o vaglia cambiari entro il termine di sessanta giorni dalla levata – non è applicabile agli assegni.

Tribunale Monza, 08/02/2000

Rscossione del credito verso il debitore ceduto

Nella cessione “pro solvendo” di un credito in luogo di adempimento – anche mediante dazione in pagamento di cambiali attuata tramite la girata dei titoli – l’estinzione dell’obbligazione originaria si verifica solo con la riscossione del credito verso il debitore ceduto e, pertanto, in applicazione dell’art. 2697, comma 2 c.c., il debitore convenuto per l’adempimento di una obbligazione il quale ne eccepisca l’estinzione tramite l’avvenuta cessione “pro solvendo” di crediti ha l’onere non solo di dimostrare la cessione stessa, ma anche l’estinzione del debito ceduto.

Ne consegue che, trattandosi di cessione di titoli cambiari, il debitore convenuto per il pagamento del dovuto in base all’obbligazione causale per il cui adempimento abbia girato detti titoli (dei quali è portatore), che eccepisca l’estinzione dell’obbligazione medesima, ha l’onere di dimostrare l’avvenuta estinzione delle cambiali girate al creditore.

Cassazione civile sez. I, 13/11/1991, n.12130

Esercizio arbitrario delle proprie ragioni e rapina: differenze

La differenza tra il delitto di esercizio arbitrario delle proprie ragioni e il delitto di rapina risiede nell’elemento soggettivo, che per il primo reato consiste nella ragionevole opinione dell’agente di esercitare un diritto con la coscienza che l’oggetto della pretesa gli competa giuridicamente, mentre per la rapina si concretizza nel fine di procurare a sé o ad altri un profitto ingiusto con la consapevolezza che quanto si pretende non compete e non è giuridicamente azionabile.

(Nella specie stata ritenuta la sussistenza del delitto di rapina poiché gli imputati usarono la violenza non per ottenere il pagamento di cambiali, pretesa che loro competeva giuridicamente, bensì per sottrarre l’autovettura al debitore, così diversificando l’oggetto della pretesa e conseguendo un ingiusto profitto).

Cassazione penale sez. II, 17/03/1987

Apertura del procedimento concorsuale

Se non si raggiunge la prova di un valida ed opponibile costituzione in pegno, non sono compensabili con reciproci crediti chirografari, ma debbono esser versate nella massa attiva, le somme che la banca dichiara di aver riscosso presso terzi, posteriormente all’apertura del procedimento concorsuale, in pagamento di cambiali che ad essa il fallendo avrebbe girato in garanzia.

Tribunale Milano, 23/12/1982

Mancato pagamento di cambiali: accusa nei confronti dell’avvocato

L’avvocato nei cui confronti siano stati aperti 10 procedimenti disciplinari e lo stesso sia stato ritenuto responsabile di appropriazione indebita, emissione di assegni a vuoto, negligente cura e difesa degli interessi di una cliente, mancato pagamento di cambiali, induzione e falsa testimonianza, negligenza e trascuratezza professionale, compromette, con tale comportamento, la dignità e il decoro dell’intera classe forense.

La sanzione può essere contenuta nella censura in considerazione della tenace volontà di riscatto, degli sforzi affrontati per sanare la situazione debitoria e della grave situazione familiare nell’ambito della quale furono commessi i fatti.

Cons. Naz.le Forense, 08/10/1981



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube