Diritto e Fisco | Articoli

Illegittimi i controlli bancari indiscriminati sui conti correnti dei contribuenti

27 Novembre 2013
Illegittimi i controlli bancari indiscriminati sui conti correnti dei contribuenti

La guardia di finanza non può effettuare controlli in modalità “random”: tutto deve sempre scaturire da un motivo valido.

Stop alle indagini finanziarie indiscriminate sui conti correnti. La Guardia di finanza non può sottoporre ai raggi X i depositi in banca dei contribuenti in modo indiscriminato e senza valide ragioni, onerando poi questi ultimi della prova contraria. Per poter procedere a verifiche, al contrario, è prima necessario un buon motivo e dei sospetti fondati.

Se la Cassazione, di questi tempi, ha iniziato a firmare una serie di sentenze dichiaratamente a favore del fisco, i giudici di merito, al contrario, dimostrano una maggiore sensibilità nei confronti dei cittadini e delle garanzie offerte dallo Statuto del contribuente.

Così, di recente, la Commissione Tributaria Regionale di Roma [1] ha detto che un contribuente non può essere sottoposto a indagini bancarie – con conseguente necessità, per quest’ultimo, di difendersi (secondo il principio della “inversione dell’onere della prova a suo carico) – se non vi sono fondati motivi per procedere alle ispezioni. Insomma tali controlli non possono essere effettuati in maniera indiscriminata.

Per i giudici questo comportamento dell’amministrazione fiscale è illegittimo e non può dar seguito a un atto impositivo. In altri termini, solo quando la verifica e l’accertamento siano condotti in modo legittimo e sulla base di motivi fondati è possibile configurare l’ipotesi di “inversione dell’onere della prova” a carico del contribuente e, quindi, presumere che le operazioni commesse da questi nascondano dei redditi non dichiarati [2].

Certamente, si tratta di una sentenza degna di nota, in uno scenario ormai allarmante; il contribuente è sempre più soggetto a controlli che lo pongono nella condizione di trovare prove non sempre facili da raggiungere, specie se a distanza di molti anni dai fatti contestati.


note

[1] CTR di Roma, sent. n. 240/2013.

[2] La stessa Cassazione, con la sentenza n. 23852 del 2009 ha sancito che la presunzione juris tantum di redditualità delle somme versate sui c/c di un contribuente, opera sul quantum debeatur, e non già sull’accertamento dell’an debeatur, che deve tanto trovare la sua giustificazione in altre norme.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube