Diritto e Fisco | Articoli

Linea Adsl troppo lenta: che fare?

27 Novembre 2013 | Autore:
Linea Adsl troppo lenta: che fare?

In caso di linea internet più lenta di quella promessa dal gestore, il cliente ha diritto all’eliminazione del problema, al rimborso del canone e all’indennizzo.

Se la linea Adsl è troppo lenta e l’operatore non provvede nonostante il problema gli sia stato più volte segnalato, è possibile chiedere il rimborso o lo sconto del canone e anche il risarcimento del danno.

Per testare la velocità dell’Adsl i cittadini hanno a disposizione “Nemesys”, un software gratuito appositamente fornito dall’Agcom (Autorità Garante delle Comunicazioni) accessibile dal sito misurainternet.it.

Il software genera in automatico un documento in PDF con il quadro completo della linea ADSL; tale documento costituisce una valida prova degli eventuali disservizi in caso di contestazioni al gestore.

Se dal controllo su Nemesys la linea risulta più lenta rispetto a quanto promesso nel contratto sottoscritto col gestore, è possibile rivolgersi a quest’ultimo, con una lettera di diffida (raccomandata a/r) e chiedere la soluzione del problema nonché il rimborso del canone già pagato, oppure il recesso senza penali dal contratto stesso.

In ogni caso il cliente ha diritto di chiedere al gestore, sempre nella lettera di reclamo in cui denuncia il problema, la corresponsione di un indennizzo per l’inefficienza del servizio regolarmente pagato.

Qualora, nonostante le lettere di diffida, il gestore non dovesse risolvere il problema (sostenendo, come spesso accade, che esso dipende da criticità tecniche di cavi, intasamento della linea ecc.), è possibile instaurare una vera e propria causa civile di risarcimento o un procedimento dinanzi all’Autorità garante delle comunicazioni.

Prima, però, occorre esperire un tentativo obbligatorio di conciliazione dinanzi al Co.re.com. (Comitato regionale per le comunicazioni). Solo se il tentativo di conciliazione fallisce e le parti non trovano un punto di incontro per una transazione bonaria, il consumatore può adire il giudice o l’Agcom.


note

Autore foto: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube