Diritto e Fisco | Articoli

Vendita di immobili “a corpo” o “a misura”: che fare se la superficie è diversa da quella pattuita?

27 Novembre 2013 | Autore:
Vendita di immobili “a corpo” o “a misura”: che fare se la superficie è diversa da quella pattuita?

Ecco la differenza tra vendita dell’immobile a corpo e a misura nella vendita di immobili e le conseguenze sul prezzo.

Nell’ambito della vendita immobiliare, si distingue tra vendita “a misura” e “vendita a corpo”: si tratta di due modi differenti di identificare l’immobile e determinarne il prezzo.

Nel caso di vendita a misura il contratto indica la superficie dell’immobile e rapporta ad essa il prezzo (per esempio 1.000 euro ogni metro quadrato).

Nel caso di vendita a corpo, invece, il prezzo è determinato in relazione all’immobile nella sua globalità, indipendentemente dalle dimensioni e non in base a specifiche unità di misura.

 

Esempio: nel caso della vendita di un appartamento di 100 mq: se la parte dichiara di venderlo per la somma totale di euro 100.000 si ha vendita a corpo; se invece dichiara di vendere l’appartamento a 1.000 euro a metro quadro si ha vendita a misura (il risultato, in termini di prezzo, è lo stesso perché basta moltiplicare il valore del singolo mq per il totale di mq).

La vendita a misura è l’eccezione rispetto a quella a corpo, ma nel contratto possono essere indicati entrambi i criteri di determinazione del prezzo.

Dal punto di vista pratico conviene prestare molta attenzione all’estensione dell’immobile rapportato al prezzo. In ogni caso è bene tenere presente che il computo dei metri quadrati tiene conto anche delle pareti esterne, dei balconi, ecc.

Cosa succede se la superficie dell’immobile è diversa rispetto a quella stabilita nel contratto?

Sia nella vendita a corpo che in quella a misura, può accadere che l’estensione effettiva dell’immobile sia minore o maggiore rispetto a quella pattuita e sia pertanto necessaria una rettifica del prezzo.

Vendita a misura

Qualora la vendita sia stata fatta a misura, il compratore ha diritto alla riduzione del prezzo, se la misura effettiva dell’immobile è inferiore a quella indicata nel contratto [1].

Può accadere che il contratto già preveda espressamente un conguaglio nel caso in cui l’immobile si riveli di una superficie minore rispetto a quella pattuita.

Se, al contrario, l’immobile ha una superficie effettiva superiore a quella prevista dal contratto, il compratore deve corrispondere al venditore il supplemento di prezzo. In alternativa, il compratore può recedere dal contratto ma solo se la misura effettiva superi di un ventesimo quella pattuita.

 

Vendita a corpo

Se invece la vendita è stata fatta a corpo, il compratore ha diritto alla diminuzione o l’obbligo al supplemento del prezzo solo se la misura reale sia rispettivamente inferiore o superiore di un ventesimo rispetto a quella indicata nel contratto.

Se l’estensione dell’immobile è superiore a quella indicata nel contratto il compratore può scegliere se pagare il supplemento di prezzo o recedere dal contratto [2].

 

Risoluzione e annullamento del contratto

Le regole appena descritte si applicano alle ipotesi in cui il venditore non dia alcuna garanzia circa l’estensione dell’immobile e l’errore non sia stato effettuato dolosamente.

Potrebbe, invece, accadere che il venditore abbia garantito che la superficie effettiva dell’immobile era uguale a quella dichiarata, ma poi essa si è rivelata inferiore. In questo caso il compratore ha diritto di ottenere la risoluzione del contratto (per mancanza delle qualità promesse).

Nell’ulteriore ipotesi in cui il venditore abbia volutamente indotto in errore l’acquirente circa le caratteristiche dimensionali allo scopo di fargli acquistare l’immobile, l’acquirente ha un’altra tutela: l’annullamento del contratto per dolo negoziale [3].

 


note

 

[1] Art. 1537 cod. civ.

[2] Art. 1538 cod. civ.

[3] Art. 1439 c.c.: “Il dolo è causa di annullamento del contratto quando i raggiri usati da uno dei contraenti sono stati tali che, senza di essi, l’altra parte non avrebbe contrattato”.

Foto di 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube