Diritto e Fisco | Articoli

Quale documento attesta la residenza

18 Novembre 2020 | Autore:
Quale documento attesta la residenza

Certificato di residenza anagrafica: cos’è, chi può richiederlo, quanto costa e qual è il suo valore probatorio?

Conoscere l’effettiva residenza di una persona può essere molto importante, soprattutto se occorre inviare una comunicazione formale, ad esempio una lettera o un atto giudiziario. In questi casi, affinché la notifica vada a buon fine, occorre che l’indirizzo del destinatario sia corretto, cioè che ad esso corrisponda il luogo ove il soggetto formalmente vive. Ecco perché può essere fondamentale ottenere un certificato dal quale si evinca con certezza il luogo ove risiede una persona. Quale documento attesta la residenza? Come vedremo, esiste un modo per ottenere con certezza l’indirizzo di residenza di un individuo, ed è quello di rivolgersi presso l’ufficio anagrafe del Comune al fine di ottenere il certificato di residenza.

Normalmente, per chiedere il rilascio di questo documento occorre rivolgersi al Comune di residenza del soggetto la cui dimora ci interessa; tuttavia, a seguito dell’approvazione dell’Anagrafe nazionale della popolazione residente, il certificato può essere richiesto anche ad un Comune diverso da quello di residenza. Se l’argomento ti interessa, prosegui nella lettura: vedremo insieme tutto quello che c’è da sapere a proposito del documento che attesta la residenza.

Residenza: cos’è?

Secondo la legge [1], la residenza è il luogo ove una persona ha la dimora abituale. In pratica, la residenza è il posto in cui una persona vive abitualmente.

Diverso è invece il domicilio, che è il luogo ove una persona stabilisce la sede principale dei propri affari e interessi. Una persona potrà tranquillamente avere una residenza distinta dal domicilio.

Quando si promuove una causa in tribunale, le parti processuali eleggono domicilio presso i propri difensori, cosicché le comunicazioni inerenti al giudizio verranno notificate direttamente agli avvocati.

Certificato di residenza: cos’è?

Il certificato di residenza è il documento, rilasciato dall’ufficio anagrafe del Comune, che attesta l’indirizzo di residenza di una persona.

In altre parole, il certificato di residenza è un atto con il quale si attesta l’attuale residenza dell’intestatario del certificato stesso.

Certificato di residenza: chi può chiederlo e come?

Il certificato di residenza può essere chiesto da chiunque. Essendo iscritto in registri pubblici, non c’è privacy che tenga.

Nel caso in cui la richiesta provenga da un terzo, occorre però che si conoscano i dati anagrafici del soggetto della cui residenza si chiede, e cioè il nome, il cognome, la data di nascita e il codice fiscale.

La richiesta del certificato di residenza può essere avanzata recandosi personalmente presso l’ufficio anagrafe, oppure inviando un’email, una pec o una raccomanda con avviso di ricevimento.

Nel caso di richiesta a distanza, è possibile che il Comune chieda di anticipare non solo il costo del rilascio del certificato, ma anche le spese occorrenti per l’invio a mezzo servizio postale (il costo della busta e del francobollo, in pratica).

Certificato di residenza: quanto costa?

Il certificato di residenza in carta semplice costa appena 52 centesimi, mentre quello con bollo necessita dell’acquisto di una marca da 16 euro.

Certificato di residenza: dove chiederlo?

Il certificato di residenza va chiesto all’ufficio anagrafe del Comune di residenza. Tuttavia, a seguito dell’approvazione dell’Anagrafe nazionale della popolazione residente (Anpr), esiste oggi un’unica banca dati nazionale nella quale confluiranno progressivamente le anagrafi comunali.

In pratica, ogni Comune d’Italia potrà accedere all’anagrafe nazionale ed estrarre il certificato di residenza, anche se il luogo ove risiede una persona si trova in un territorio comunale diverso.

Il registro dell’anagrafe nazionale non è però totalmente operativo: potrebbero esservi alcuni Comuni che, non avendo ancora trasmesso la propria anagrafe, sfuggono alla ricerca all’interno di questa banca dati.

Dunque, l’unico modo assolutamente certo di ottenere il certificato di residenza di una persona è quello di avanzare una richiesta al proprio Comune di residenza effettiva.

Certificato: prova la residenza?

Il certificato di residenza serve a provare a tutti gli effetti il luogo ove una persona abita? In altre parole, il certificato di residenza quale valore probatorio ha?

Secondo la Corte di Cassazione [2], il certificato di residenza ha un valore semplicemente presuntivo in ordine al luogo dell’effettiva dimora abituale. Ciò significa che colui che ne ha interesse può anche dimostrare il contrario, e cioè che la dimora effettiva di una persona è un’altra rispetto a quella indicata nel certificato rilasciato dall’ufficio anagrafe.

Secondo i giudici, dunque, ciò che conta non è quello che c’è scritto nel certificato, ma il vero luogo ove una persona abita.

In sintesi, il certificato anagrafico prodotto in una causa non prova la residenza del soggetto nella città ivi indicato se risulta diversamente. Tale dimostrazione può essere fornita con ogni mezzo di prova, anche con le dichiarazioni testimoniali.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Il certificato di residenza nasce in bollo quindi se si richiede un certificato in carta semplice si paga ugualmente il bollo di € 16,00, non esiste il certificato semplice senza il bollo.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube