Pensioni più basse dal 2021

17 Settembre 2020 | Autore:
Pensioni più basse dal 2021

Diminuzione dei coefficienti di trasformazione, crollo del Pil, calo dell’inflazione: come cambierà l’assegno pensionistico.

L’importo delle pensioni calerà ancora nel 2021: i principali “colpevoli” risultano il Pil (prodotto interno lordo), l’indice dei prezzi al consumo e gli adeguamenti alla speranza di vita media.

Più precisamente, chi si pensionerà nel 2021 vedrà un calo della quota dell’assegno calcolata col sistema contributivo, rispetto ai pensionati 2019-2020, a causa dell’abbassamento dei coefficienti di trasformazione.

Il coefficiente di trasformazione è un valore, espresso in percentuale, che si applica alla somma dei contributi accantonati dal lavoratore per trasformarli in assegno di pensione. Questo valore cresce con l’età pensionabile, ma è diminuito periodicamente, se si riscontrano aumenti della speranza di vita media. Gli ultimi incrementi rilevati dall’Istat hanno determinato un calo dei coefficienti sino allo 0,04%: tradotto in “soldoni”, su un montante contributivo pari a 300mila euro l’applicazione dei nuovi coefficienti comporta una perdita di 120 euro l’anno, che diventano 500 euro se confrontati coi coefficienti utilizzati sino al 2018 e ben mille euro al confronto dei valori utilizzati sino al 2015. Un impoverimento notevole dei nuovi pensionati che sembra non avere fine, così come pare aumentare all’infinito la speranza di vita media.

Ma il problema delle pensioni più basse dal 2021 riguarda anche chi si è già pensionato da tempo. Ogni anno, difatti, l’importo di tutte le prestazioni erogate dall’Inps viene adeguato all’inflazione (o meglio all’indice Istat Foi, l’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati), attraverso il cosiddetto meccanismo della perequazione. Considerando il pessimo andamento del 2020, emerge non solo il rischio che le pensioni non aumentino (negli ultimi anni gli adeguamenti dei trattamenti sono risultati infinitesimi, peraltro ridotti per i beneficiari di pensioni oltre 4 volte il minimo), ma addirittura che diminuiscano.

Al termine di ogni anno, è infatti emanato dal ministero dell’Economia e delle Finanze un decreto che fissa “in via previsionale” la variazione percentuale da applicare alle pensioni erogate nell’anno successivo. Proprio perché provvisorio, il valore viene poi sostituito, al termine dell’anno considerato, da un indice di variazione definitiva, sulla cui base è effettuato un conguaglio tra la stima iniziale e il valore effettivo riscontrato. Il conguaglio può essere negativo, nell’ipotesi in cui la variazione definitiva si riveli inferiore a quella prevista: se il conguaglio è negativo, la differenza viene sottratta dalla pensione.

Sarebbero comunque allo studio specifici interventi per evitare il decremento dei trattamenti liquidati dall’Inps.

Crollo del Pil e calo della pensione

Per quanto riguarda infine il crollo del Pil, che dovrebbe riflettersi sul tasso di capitalizzazione dei contributi per la pensione, indicato annualmente dall’Istat, le conseguenze si vedranno a partire dal 2023. Solo il tasso di capitalizzazione del 2022, che riguarda i pensionamenti tra il 1° gennaio 2023 ed il 31 dicembre 2023, sarà difatti influenzato dalla crisi del 2020, in quanto calcolato sulla base della variazione media del Pil del quinquennio 2015-2020.

Chi andrà in pensione nel 2021 o nel 2022 non subirà dunque alcuna diminuzione del montante contributivo. Chi andrà in pensione dal 2023 non potrà comunque subire alcun taglio dei contributi accumulati, perché il coefficiente da applicare al montante non può essere inferiore a uno; la mancata svalutazione si dovrà però recuperare sulle rivalutazioni successive, se superiori ad uno. Ne abbiamo parlato in: Pensione, diminuisce se crolla il Pil?

In definitiva, anche se nei prossimi anni le pensioni non crolleranno, certamente gli importi non aumenteranno, rendendo permanente una stagnazione degli assegni pensionistici che dura da troppo tempo e che, comunque, diminuisce progressivamente il potere d’acquisto dei pensionati.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube