Covid: via libera all’uso di un nuovo farmaco

18 Settembre 2020 | Autore:
Covid: via libera all’uso di un nuovo farmaco

L’Ema approva la terapia a base di corticosteroide desametasone in pazienti sottoposti a ventilazione meccanica invasiva per ridurre il rischio di morte.

In attesa che, come ribadito questa mattina dal ministro della Salute, Roberto Speranza, arrivino entro la fine dell’anno le prime dosi del vaccino anti-Covid, l’Agenzia europea dei medicinali (Ema) ha dato oggi il via libera all’uso di un nuovo farmaco per il trattamento dei pazienti affetti dal coronavirus. Si tratta del corticosteroide desametasone, da somministrare a chi si trova in terapia con ossigeno o ventilazione meccanica. Secondo l’Ema, infatti, il desametasone può essere considerato un’opzione valida per adulti e adolescenti dai 12 anni in su e con un peso di almeno 40 kg che hanno bisogno di ossigenoterapia supplementare.

Il farmaco, precisa l’Agenzia, «può essere assunto per via orale o somministrato tramite iniezione o infusione (flebo) in vena. In tutti i casi, la dose raccomandata negli adulti e negli adolescenti è di 6 milligrammi una volta al giorno per un massimo di 10 giorni».

Lo studio effettuato sul medicinale mostra che, nei pazienti in ventilazione meccanica invasiva, il 29% di quelli trattati con desametasone è morto entro 28 giorni dall’inizio del trattamento rispetto al 41% di quelli trattati con terapie standard, con una riduzione relativa di circa il 35%. Nei pazienti che ricevevano ossigeno senza ventilazione meccanica, i dati erano del 23% con il corticosteroide e del 26% con le terapie standard, con una riduzione relativa di circa il 20%. Nessuna riduzione del rischio di morte, invece, nei pazienti che non ricevevano ossigenoterapia o ventilazione meccanica.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube