Diritto e Fisco | Articoli

Quanti soldi servono per comprare casa

20 Settembre 2020
Quanti soldi servono per comprare casa

Acquistare un immobile determina numerosi costi per la parte acquirente.

Sono molti anni che vivi in affitto. Sei stufo di sprecare i tuoi soldi senza investirli in qualcosa che possa restarti per il futuro. Hai deciso di acquistare un immobile e adibirlo ad abitazione principale ma ti spaventano le spese a cui dovrai andare incontro.

Gli italiani sono uno dei popoli europei maggiormente affezionati alla prima casa. Negli altri stati d’Europa, infatti, un’altissima percentuale delle famiglie vive in affitto e non ha immobili di proprietà. Nel nostro Paese, invece, la gran parte dei nuclei familiari risiede presso la propria casa di proprietà.

Ma quanti soldi servono per comprare casa? Spesso le persone hanno ereditato la proprietà dell’appartamento o dai propri genitori o dai nonni e non hanno, dunque, dovuto sostenere dei costi. Chi, invece, deve acquistare la casa sul mercato deve essere ben consapevole delle spese a cui va incontro.

Acquisto di una casa: il prezzo dell’immobile

Il principale costo da sostenere quando si decide di comprare una casa è il prezzo dell’immobile, vale a dire, la somma di denaro che occorre erogare al venditore per ottenere la proprietà della casa. Non ci sono regole nella definizione di questo costo in quanto il prezzo dell’immobile è determinato essenzialmente dall’andamento del mercato immobiliare.

I principali fattori che incidono sul costo di una casa sono i seguenti:

  • la città e la zona in cui è ubicato l’immobile;
  • i metri quadrati dell’ immobile e delle sue eventuali pertinenze;
  • lo stato manutentivo dell’appartamento;
  • la presenza dell’ascensore;
  • la presenza di spazi esterni (balcone, terrazzo, giardino);
  • la presenza di garage e/o posto auto;
  • la collocazione dell’immobile da un punto di vista logistico;
  • la qualità architettonica e dei materiali.

Basta visitare un qualsiasi sito che si occupa di compravendita immobiliare per verificare a quanto ammonta, nella zona in cui si sta cercando la casa, il costo medio di vendita al metro quadro. A questo valore, tuttavia, occorre sempre applicare delle oscillazioni determinate dalle specifiche caratteristiche del singolo immobile.

Comprare una casa: il costo dell’agenzia immobiliare

Nessuna legge impone alle parti di un contratto di compravendita immobiliare di farsi assistere da un agente immobiliare o mediatore nella conclusione dell’affare.

Tuttavia, nella prassi, la gran parte degli annunci di vendita di case è gestita da agenti immobiliari. In questo caso, dunque, oltre al prezzo di acquisto dell’immobile occorre anche considerare la provvigione da pagare all’agenzia immobiliare. Tale corrispettivo varia soprattutto a seconda della città e può oscillare tra il 2 e il 4% del prezzo di acquisto dell’immobile.

Acquisto di una casa: il costo del notaio e delle tasse

Il contratto di compravendita con cui il proprietario aliena l’immobile all’acquirente deve essere necessariamente rogato da un notaio e registrato nei pubblici registri.

Quando si compra una casa, dunque, occorre considerare che bisogna sostenere il costo relativo agli onorari del notaio. Tale onere, che è a carico della parte acquirente, può arrivare fino a € 3.000 circa.

Inoltre, l’acquisto della casa determina l’obbligo di pagare la tassa di registro che si calcola applicando alla rendita catastale rivalutata dell’immobile un’aliquota che varia a seconda della destinazione dell’appartamento. Se si tratta di prima casa l’aliquota è del 2%; se si tratta di seconda casa l’aliquota è del 9%.

Comprare una casa: il costo del mutuo

Se non hai a disposizione tutti i soldi necessari all’acquisto dell’immobile e devi chiedere un mutuo in banca devi considerare i costi connessi al contratto di mutuo.

In particolare, i principali oneri connessi a questo contratto di finanziamento sono i seguenti:

  • spese di istruttoria, che di solito non arrivano a superare € 2.000;
  • perizia, che si aggira di solito intorno ai 500 euro;
  • imposta di registro, pari allo 0,25% del valore del mutuo;
  • stipula di una polizza contro lo scoppio e incendio obbligatoria per legge, che può aggirarsi intorno ai 2.000 euro.

Inoltre, anche il contratto di mutuo deve essere rogato da un notaio al quale occorrerà, dunque, corrispondere i relativi onorari.

Comprare casa: le ulteriori spese

A tutti i costi che abbiamo elencato occorre, inoltre, aggiungere ulteriori spese secondarie che dovranno essere sostenute dall’acquirente che decide di comprare una casa. In particolare, occorrerà effettuare le volture delle utenze domestiche presenti all’interno dell’immobile il cui costo varia a seconda del gestore.

Inoltre, potrebbe essere necessario sostenere dei costi di ristrutturazione e di pulizia della casa prima di andarci a vivere, nonché il prezzo per l’acquisto degli arredi, se l’immobile ne è sprovvisto.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Sto passando la vita in affitto… ho provato spesso a far quadrare il bilancio per potermi permettere di acquistarne una, ma con tutti i soldi che si deve sborsare subito se ne andava la metà di quanto racimolato… quindi niente. Penso che dovrebbe esserci una politica di acquisto della prima casa più vicina a chi deve acquistare, meno soldi da dare a questo e quello… poi se acquisti seconde case o più allora posso richiederti un maggior esborso visto che un tetto sulla testa lo hai già. Ma purtroppo così non è… ora con tutta la crisi economica che c’è sfumano anche i sogni più miseri.

Rispondi a Carla Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube