Diritto e Fisco | Articoli

Nei reality le ingiurie sono esenti da reato?

21 Settembre 2020 | Autore:
Nei reality le ingiurie sono esenti da reato?

Gli insulti e le diffamazioni nei reality show sono permessi oppure costituiscono reato? I concorrenti dei programmi tv non commettono mai reato?

In televisione, siamo abituati a sentire e a vedere di tutto: insulti, ingiurie, diffamazioni, accuse, perfino violenze fisiche e bestemmie. Non è un caso se, per individuare questo tipo di tv, si ricorre al termine “spazzatura”. Il nuovo millennio della televisione è stato segnato dall’avvento dei reality show, cioè di quei programmi che si propongono di mostrare situazioni di vita reale, senza filtri o censure. Ed è proprio qui che entra in gioco l’argomento che tratteremo in questo articolo. Nei reality le ingiurie sono esenti da reato?

Da persone rinchiuse in una casa ad altre abbandonate (per modo di dire) su un’isola deserta, sono tanti gli show di questo tipo che la tv ci propina. Immancabilmente, però, tra i concorrenti scoppiano liti furibonde (più o meno programmate) che, spesso e volentieri, culminano in ingiurie e minacce. Questi comportamenti sono sanzionabili penalmente? Le aggressioni verbali nei reality costituiscono reato oppure non sono punibili? La risposta è: dipende. Vediamo cosa dicono la legge e la giurisprudenza a proposito delle ingiurie nei reality.

Ingiurie nei reality: sono reato?

Partiamo subito da una premessa: le ingiurie nei reality non costituiscono reato. Perché? La risposta è molto semplice: le ingiurie nei reality show sono esenti da reato perché, per la legge italiana, l’ingiuria non è più reato.

Dunque, si applica anche ai reality la legge che vale per tutto il territorio nazionale: offendere l’onore o il decoro di una persona non costituisce più delitto.

Pertanto, i concorrenti dei reality show, così come quelli delle altre trasmissioni, non commettono mai reato se oltraggiano altre persone, purché presenti al momento dell’ingiuria. Questa precisazione si rende opportuna per poter distinguere l’ingiuria dalla diffamazione, che è ancora punibile.

Diffamazione nei reality: cosa dice la legge?

Diversa è la situazione per il reato di diffamazione [1], ancora sanzionato dalla legge come reato. Le diffamazioni nei reality possono essere punite oppure sono esenti da reato?

Secondo la legge, la diffamazione consiste nella lesione della reputazione altrui. Per reputazione si deve intendere la considerazione che una persona ha all’interno della società o, comunque, agli occhi dei terzi.

Dunque, offendere un individuo in presenza di altre persone è ancora oggi reato, se l’insulto è idoneo a mettere a repentaglio la reputazione altrui.

Per commettere questo tipo di reato non occorre nemmeno che si dia luogo ad insulti utilizzando le solite parolacce: è sufficiente screditare una persona agli occhi degli altri, anche con gesti o scritti.

Nei reality, la diffamazione è esente da reato? La risposta è: dipende. Sul punto, si è espressa la Suprema Corte di Cassazione fornendo una risposta che, per certi versi, rende non punibili le diffamazioni fatte nei reality show. Vediamo perché.

Insulti diffamatori nei reality show: sono reato?

Secondo la Corte di Cassazione [2], offendersi in un reality show non è reato. Infatti, questi programmi televisivi hanno la caratteristica di sollecitare il contrasto verbale tra i partecipanti (secondo uno schema oggi abusato) ed i concorrenti ne sono perfettamente consapevoli. Tanto più quando, come nel caso affrontato dalla Suprema Corte, il commento oltraggioso è stato detto per scherzo.

Così la Suprema Corte ha confermato l’innocenza di un ex concorrente di un reality show e respinto la domanda di risarcimento avanzata dalla vittima (nello specifico, l’uomo era stato definito pedofilo per le attenzioni che rivolgeva a un’altra concorrente molto più giovane, seppur maggiorenne).

Dunque, secondo la giurisprudenza, le diffamazioni nei reality show possono essere tollerate quando sono la conseguenza dell’adesione alle regole del gioco, cioè a quei dettami (scritti e non scritti) secondo cui chi partecipa al programma deve in qualche modo insolentire gli altri concorrenti.

Dalla sentenza appena esaminata, però, si evince anche un altro principio: le diffamazioni nei reality possono essere penalmente rilevanti quando sussiste la reale intenzione di screditare una persona agli occhi dei telespettatori e, più in generale, del pubblico.

Peraltro, mentre nel caso affrontato dalla Corte di Cassazione il commento oltraggioso era stato pronunciato durante un diverbio tra le parti e per di più in tono scherzoso, diverso sarebbe stato il caso del concorrente che, alle spalle dell’altro, lo avesse ingiuriato pesantemente senza dargli la possibilità di difendersi.

Dunque, anche la diffamazione nei reality show può costituire reato se essa:

  • è stata pronunciata in maniera seria, con il preciso scopo di ledere la reputazione della vittima;
  • è stata detta in assenza della vittima, cosicché ella non ha potuto difendersi.

Ingiurie e diffamazioni nei reality: quando sono punibili?

In sintesi, possiamo così concludere il discorso inerente alle ingiurie e alle diffamazioni nei reality show:

  • le ingiurie non sono mai reato, in quanto la legge ha abrogato questo delitto nel 2016;
  • la diffamazione non è punibile se espressa in tono scherzoso, in un ambito di reciproche offese dettate dal regolamento del programma;
  • la diffamazione è reato se fatta in assenza del partecipante insultato, col fine di screditarlo pubblicamente.

note

[1] Art. 595 cod. pen.

[2] Cass., sent. n. 37105 del 23 settembre 2009.

Autore immagine: Unsplash.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube