Questo sito contribuisce alla audience di
Business | Articoli

Gli sconfinamenti non possono giustificare la segnalazione alla Centrale Rischi

8 Ottobre 2014 | Autore:
Gli sconfinamenti non possono giustificare la segnalazione alla Centrale Rischi

Illegittima la segnalazione alla Centrale Rischi per i semplici sconfinamenti: essi non costituiscono, di per sé, indice di grave e non transitoria difficoltà economica e nemmeno possono equiparasi ad inadempimento.

 

Si sono ormai consolidati alcuni princìpi in materia di segnalazione alla Centrale Rischi, grazie alle difesa di molti avvocati che stanno dalla parte del cittadino, che difficilmente una banca oserebbe ancora non osservare. Abbiamo anche detto che i casi di errate e illegittime segnalazioni comportano il risarcimento dei danni in favore del soggetto segnalato e a carico della banca o dell’intermediario finanziario che ha fatto la segnalazione [1].

 

Una recente ordinanza del Tribunale di Milano ha richiamato i presupposti per una segnalazione legittima precisando, tra l’altro, che i semplici sconfinamenti non costituiscono di per sé indice di grave e non transitoria difficoltà economica e nemmeno possono equiparasi ad inadempimento [2].

Di conseguenza, essendo dovuti a temporanee difficoltà economiche, gli sconfinamenti non possono porsi a fondamento di una segnalazione alla Centrale dei Rischi: essi possono risolversi con un rientro nei limiti dell’affidamento.

 

Viene altresì ribadita la necessità del contradditorio: per poter segnalare un cliente presso la Centrale dei Rischi la banca deve prima informarlo e quindi ascoltarlo, in modo che questi possa spiegare i motivi dello sconfinamento che si protraesse per un certo tempo e fornire le sue giustificazioni.

Ricordiamo ancora che su LLpT potete trovare anche la guida “Crif: quando si viene segnalati nel Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF?


note

[1] https://www.laleggepertutti.it/48311_segnalazione-illegittima-alla-centrale-rischi-e-possibile-richiedere-il-risarcimento-del-danno

[2] Trib Milano Sez. ord. del 24. 9.2014 che rigetta il reclamo della banca avverso la già ottenuta ordinanza in sede d’urgenza (art. 700 cod. proc. civ.) che imponeva la cancellazione immediata dai Registri della Centrale Rischi di Banca d’Italia della illegittima segnalazione.


Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube