Politica | News

Referendum: il numero di parlamentari regione per regione

21 Settembre 2020 | Autore:
Referendum: il numero di parlamentari regione per regione

Cosa cambia dopo la vittoria del sì al taglio di deputati e senatori. Quanti ne verranno eletti a livello territoriale.

Ci vogliono 60 giorni dalla vittoria del sì al referendum del 20 e 21 settembre affinché la legge che riduce il numero dei parlamentari diventi operativa. La norma è in vigore ma devono trascorrere due mesi per consentire la modifica dei collegi elettorali. Modifica che potrebbe, però, essere legata all’approvazione di una nuova legge elettorale, attesa – a questo punto – in tempi veloci.

Tuttavia, il taglio dei parlamentari approvato dagli italiani alle urne non significa che 315 tra deputati e senatori debbano abbandonare immediatamente il loro seggio: resteranno in carica fino alle prossime elezioni.

La vittoria del sì comporta un cambiamento notevole nel rapporto tra il numero dei parlamentari e quello dei cittadini da loro rappresentati. In media, i deputati passano da essere 1 su 96mila abitanti a 1 su 151mila. I senatori, da 1 su 188mila italiani a 1 su 302mila.

Nel dettaglio, regione per regione, ecco il cambiamento previsto come numero di deputati eletti secondo l’elaborazione pubblicata dal Corriere della Sera su dati della Camera:

  • Lombardia: da 102 a 64 deputati;
  • Campania: da 60 a 38;
  • Lazio: da 58 a 36;
  • Sicilia: da 52 a 32;
  • Veneto: da 50 a 32;
  • Piemonte: da 55 a 29;
  • Emilia-Romagna: da 45 a 29;
  • Puglia: da 42 a 27;
  • Toscana: da 38 a 24;
  • Calabria: da 20 a 13;
  • Sardegna: da 17 a 11;
  • Marche: da 16 a 10;
  • Liguria: da 16 a 10;
  • Abruzzo: da 14 a 9;
  • Friuli Venezia Giulia: da 13 a 8;
  • Trentino-Alto Adige: da 11 a 7;
  • Umbria: da 9 a 6;
  • Basilicata: da 6 a 4;
  • Molise: da 3 a 2;
  • Valle d’Aosta: 1 (invariato).

Per quanto riguarda, invece, il numero dei senatori, ecco il taglio previsto:

  • Lombardia: da 49 a 31;
  • Campania: da 29 a 18;
  • Lazio: da 28 a 18;
  • Sicilia: da 25 a 16;
  • Veneto: da 24 a 16;
  • Piemonte: da 22 a 14;
  • Emilia-Romagna: da 22 a 14;
  • Puglia: da 20 a 13;
  • Toscana: da 18 a 12;
  • Calabria: da 10 a 6;
  • Sardegna: da 8 a 5;
  • Marche: da 8 a 5;
  • Liguria: da 8 a 5;
  • Abruzzo: da 7 a 4;
  • Friuli Venezia Giulia: da 7 a 4;
  • Trentino-Alto Adige: da 7 a 6;
  • Umbria: da 7 a 3;
  • Basilicata: da 7 a 3;
  • Molise: 2 (invariato);
  • Valle d’Aosta: 1 (invariato).


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube