Cronaca | News

Istat: pressione fiscale in aumento

22 Settembre 2020
Istat: pressione fiscale in aumento

Il rapporto Istat sui conti pubblici: l’incidenza delle entrate totali delle pubbliche amministrazioni sul Pil è cresciuta.

È un quadro fosco quello che emerge dagli ultimi dati Istat diffusi oggi su conti pubblici, crescita economica, indebitamento, risparmio e pressione fiscale. Proprio quest’ultima, infatti – intesa come ammontare complessivo di imposte dirette e indirette e di contributi sociali – è aumentata, arrivando al 42,4% del Pil, rispetto al 41,8% dell’anno precedente.

I dati sono riferiti al 2019 e – commenta l’Istat – «la stima aggiornata dei conti economici nazionali conferma il significativo rallentamento della crescita dell’economia nel 2019, con un tasso di variazione del Pil dello 0,3% a fronte di un incremento dello 0,9% nel 2018». E questi dati non tengono conto dello scoppio della pandemia di Covid-19, avvenuto nel 2020, che ha depresso ulteriormente l’economia.

L’Istat esaminando i dati rileva che «l’indebitamento netto delle amministrazioni pubbliche è pari all’1,6% del Pil, in netto miglioramento rispetto al 2018, e la pressione fiscale è aumentata».

Nel 2019, il Pil italiano calcolato ai prezzi di mercato è stato pari a 1.789,747 milioni di euro correnti, con una revisione al rialzo rispetto alle stime di marzo scorso di 2.083 milioni. Il tasso di crescita dello 0,3%, invece, era stato correttamente previsto a primavera (leggi questo articolo per sapere che cos’è il Pil).

Il reddito disponibile delle famiglie consumatrici ha segnato nel 2019 una crescita dell’1,0% in valore e dello 0,5% in termini di potere d’acquisto. Poiché il valore dei consumi privati è aumentato dell’1,0%, la propensione al risparmio delle famiglie è rimasta stabile all’8,1%.

Nel 2019, gli investimenti fissi lordi sono cresciuti in volume dell’1,6%, i consumi finali nazionali dello 0,3%, le esportazioni di beni e servizi dell’1,0%; le importazioni sono diminuite dello 0,6%.

Quanto ai settori economici analizzati, il valore aggiunto in volume è cresciuto dell’1,8% nelle costruzioni e dello 0,5% nel settore dei servizi ed è diminuito dell’1,7% nel settore dell’agricoltura, silvicoltura e pesca e dello 0,7% nell’industria in senso stretto. Per l’insieme delle società non finanziarie, la quota di profitto è pari al 41,8% e il tasso di investimento al 21,6%. «Si conferma la crescita delle costruzioni e dei servizi e la contrazione dell’agricoltura e delle attività manifatturiere», rileva l’Istat.

L’indebitamento netto delle pubbliche amministrazioni in rapporto al Pil è pari nel 2019 a 1,6% (era il 2,2% nel 2018); il valore è invariato rispetto alla stima pubblicata ad aprile dall’Istituto. Il saldo primario (cioè l’indebitamento netto meno la spesa per interessi) è pari a +1,8% del Pil.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube