Porta nuova sul pianerottolo: basta la Cila

22 Settembre 2020 | Autore:
Porta nuova sul pianerottolo: basta la Cila

Questo intervento, a differenza dell’apertura di una finestra, non è soggetto al permesso a costruire e non richiede l’autorizzazione dell’assemblea condominiale. 

Per aprire una nuova porta sul pianerottolo è sufficiente munirsi della Cila, la comunicazione di inizio lavori asseverata [1]; non occorre, invece, l’autorizzazione del condominio. Lo ha stabilito il Tar Campania in una nuova sentenza [2] relativa ad un caso di apertura di un accesso sull’ultimo ballatoio del vano scale di un palazzo.

Il permesso a costruire non è necessario, perché la realizzazione di un nuovo ingresso sul vano scale non costituisce una trasformazione urbanistica ma rientra tra gli interventi soggetti alla sola comunicazione di inizio dei lavori purché munita dell’asseverazione tecnica rilasciata da un professionista abilitato, come un ingegnere, architetto o geometra.

Sotto il profilo condominiale, l’approvazione dell’assemblea non è richiesta perché l’opera costituisce soltanto una modalità d’uso più intenso della cosa comune, ammesso dalla legge [3]. È essenziale, però, che non vengano in rilievo pregiudizi alla stabilità dell’edificio o al decoro architettonico.

Nel caso deciso, è stato accertato che la porta in affaccio sulle scale non incideva sulla volumetria o sulla sagoma e i prospetti dell’edificio, a differenza di una finestra, la cui apertura potrebbe, invece, modificare la facciata del fabbricato e pregiudicare l’aspetto esterno.

Per sapere quali lavori è possibile effettuare nella propria abitazione, specialmente quando essa si trova in un condominio, leggi anche cosa serve per modificare un appartamento. Sul versante delle autorizzazioni necessarie presso il Comune, leggi quali sono i lavori in casa senza bisogno di permesso a costruire.


note

[1] Art. 6 bis del D.P.R. n. 380/2001 (Testo Unico Edilizia).

[2] Tar Campania, Sez. 2°, sent. n. 3667/20 del 20 agosto 2020.

[3] Artt. 1102, 1120 e 1122 Cod. civ.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube