Aumentano i ricoverati, l’allarme dei medici

23 Settembre 2020
Aumentano i ricoverati, l’allarme dei medici

L’Istituto nazionale Malattie infettive Spallanzani di Roma segnala un «trend in lieve crescita» dei pazienti in terapia intensiva. Ma qualcuno è preoccupato. 

I pazienti ricoverati nei reparti Covid romani più che raddoppiati in meno di un mese: dai 238 del 28 agosto ai 482 di ieri. È il quadro dell’emergenza sanitaria nella capitale d’Italia. Una situazione sovrapponibile a quella nazionale: se al 28 agosto i ricoverati con sintomi erano 1.178, ora sono 2.604. La tendenza generale è all’aumento: lo si può ben vedere dagli ultimi dati del bollettino diramato ieri dal ministero della Salute, che segna un +129 ricoverati, di cui 7 in terapia intensiva su tutta la penisola.

L’incremento fa allarmare l’Ordine dei medici capitolino, nonostante le rassicurazioni dell’Istituto nazionale Malattie infettive Lazzaro Spallanzani. Stamattina, ai microfoni di Radio 1, il direttore sanitario Francesco Vaia ha spiegato che «sulle terapie intensive osserviamo un trend in lieve crescita, che era prevedibile perché siamo nella coda del rientro delle vacanze e dei viaggi. Nulla di drammatico e non dobbiamo spaventarci. I pazienti ricoverati sono aumentati rispetto a due mesi fa, ma non siamo affatto alla saturazione».

Ci sono, inoltre, secondo Vaia, dei fattori specifici che provocano l’aumento dei ricoveri, anche in terapia intensiva, a Roma come in generale. «L’aumento dell’età media, schizzata sopra i cinquant’anni, precisamente 54 da noi, e anche il fatto che siamo in una fase in cui i cambiamenti climatici tradizionalmente portano alcune malattie stagionali».

I camici bianchi capitolini si dicono comunque «molto preoccupati per l’aumento dei casi di Covid in terapia intensiva e per quello dei ricoverati con sintomi a Roma e nel Lazio». Antonio Magi, presidente dell’Ordine dei medici della capitale e dell’hinterland, lo ha dichiarato all’Adnkronos Salute, che lo ha intervistato. «A Roma siamo stati per lungo tempo con circa sei persone in terapia intensiva – osserva Magi -. Adesso, secondo i dati di ieri, siamo a 31. Questo è un indice importante di quanto sta accadendo al momento. E non può non preoccuparci».

La situazione è diversa, più sotto controllo rispetto alle prime fasi dell’emergenza sanitaria, quando si è dovuti partire da zero per capire come fermare l’avanzata del virus. Gli ospedali sono più attrezzati per gestire una nuova ondata. «Siamo pronti, non sarà come prima – dice Magi -. Le lezioni dei mesi drammatici le abbiamo apprese». Rimane l’angoscia «perché, nonostante oggi conosciamo di più del virus e siamo in grado di ridurre il numero di persone che vanno in terapia intensiva, stanno aumentando comunque i casi per i quali non si riesce a evitare l’aggravamento. Il virus è un nemico meno misterioso ma comunque ancora in larga parte sconosciuto».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

3 Commenti

  1. CI credo che i casi aumentano. C’è un sacco di gente che adotta comportamenti irresponsabili. Molti creano assembramenti nelle piazze, davanti ai locali e magari non indossano la mascherina. Che assurdità è mai questa? Assistere a gente che cerca anche di fare la furba quando va nei negozi…?!

  2. Sicuramente, la ripresa a pieno ritmo delle attività commerciali, dei ristoranti, dei pub ha causato l’incremento di gente in giro che indisturbata esce e magari non rispetta le misure anti-covid come l’uso delle mascherine, la distanza di sicurezza. Poi, non si usano neppure gli igienizzanti

  3. Cerco di dicono di non preoccuparci perché le loro strutture sono ben attrezzate…ma lo andassero a dire a quegli abitanti dei paesini in cui la sanità fa pena e le strutture cadono a pezzi e si sta in condizioni igieniche vergognose

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube