Pensione di inabilità: arrivano gli aumenti

23 Settembre 2020 | Autore:
Pensione di inabilità: arrivano gli aumenti

Operativo l’aumento sino a 651,51 euro dei trattamenti per invalidi civili totali, ciechi assoluti, sordi e inabili al lavoro: i chiarimenti dell’Inps.

Al via l’incremento al milione delle pensioni di inabilità: l’Inps, con una nuova circolare [1], ha infatti confermato la spettanza delle maggiorazioni sui trattamenti, a partire dal 20 luglio 2020 per gli invalidi civili totali, i sordi ed i ciechi assoluti maggiorenni ed a partire dal 1° agosto per gli inabili al lavoro che abbiano compiuto 18 anni.

L’incremento al milione della pensione di inabilità, lo ricordiamo, spettava in precedenza solo agli over 60: la Corte costituzionale, con una recente sentenza [2], ha tuttavia dichiarato l’illegittimità della norma che riconosceva la maggiorazione solo a chi avesse compiuto 60 anni, considerando il requisito anagrafico irragionevole e discriminatorio. Secondo la Consulta, difatti, l’invalido totale maggiorenne è meritevole delle stesse tutele riservate agli inabili sessantenni.

Sulla base della sentenza, il decreto agosto [3] ha dunque previsto l’incremento al milione per tutti i beneficiari di pensione d’inabilità di età pari o superiore a 18 anni.

L’Inps, in merito all’estensione del beneficio, ha fornito numerosi chiarimenti.

In primo luogo, ha evidenziato che l’incremento della pensione d’inabilità sino a 651,51 euro mensili, per 13 mensilità, spetta soltanto ai titolari di pensione che siano invalidi civili totali, ciechi assoluti e sordi, qualora in possesso di redditi personali non superiori a 8.469,63 euro e di redditi propri cumulati con quelli del coniuge di importo annuo non superiore a 14.447,42 euro.

I beneficiari di pensione per inabilità permanente ed assoluta a qualsiasi attività lavorativa [4] ottengono invece un incremento pari a 516,46 euro al mese (ossia corrispondente al vecchio milione di lire non indicizzato), a condizione che non si superino specifici limiti di reddito.

Gli invalidi civili totali, i ciechi assoluti ed i sordi beneficiari di pensioni d’inabilità ottengono l’incremento del trattamento d’ufficio, con decorrenza 20 luglio 2020, mentre i titolari di pensione per inabilità ordinaria ottengono l’incremento solo su domanda, a decorrere dal 1° agosto 2020 (qualora la domanda di beneficio sia presentata entro il 9 ottobre 2020, se espressamente richiesto).

Infine, l’istituto ha illustrato quali redditi rilevino al fine delle soglie limite per il diritto alla maggiorazione.


note

[1] Circolare Inps 107/2020.

[2] C. Cost., sent. 152/2020.

[3] Art.15 DL 104/2020.

[4] Art.2 L. 222/1984.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube