Fermo dell’auto: la pratica diventa gratuita

24 Settembre 2020 | Autore:
Fermo dell’auto: la pratica diventa gratuita

Dopo le cancellazioni, anche le sospensioni verranno annotate in automatico senza bisogno dell’istanza del contribuente: niente imposta di bollo.

Presto, non si pagherà più l’imposta di bollo sulle pratiche che riguardano il fermo amministrativo dell’auto. Dopo quelle relative alla cancellazione, anche quelle di sospensione diventeranno gratuite nelle prossime settimane. Lo ha confermato l’Agenzia delle Entrate.

In sostanza, la sospensione del fermo del veicolo (che consente di avere a disposizione l’auto per poter circolare già dal pagamento della prima rata) viene annotata dal Pubblico registro automobilistico (il Pra) su istanza del proprietario della macchina. Ragion per cui, fino ad ora, c’era da pagare 32 euro di imposta di bollo.

Oggi, però, alcune pratiche sono state semplificate con l’introduzione del Documento unico di circolazione che ha sostituito la carta di circolazione ed il certificato di proprietà. Tra queste procedure, c’è quella della sospensione del fermo amministrativo, gestita dall’inizio di quest’anno dall’agente della riscossione in collegamento telematico con il Pra. Significa che il contribuente non deve più presentare un’istanza e, quindi, sparisce l’imposta di bollo.

Riassumendo, oggi la cancellazione e la sospensione del fermo amministrativo dell’auto resta così:

  • le cancellazioni previste con provvedimento disposto prima del 1° gennaio 2020 vengono annotate su istanza del contribuente e, pertanto, va pagata l’imposta di bollo;
  • le cancellazioni previste con provvedimento successivo al 1° gennaio 2020 vanno annotate automaticamente, senza istanza del contribuente, e pertanto sono gratuite;
  • le sospensioni previste fino alla data che verrà comunicata nelle prossime settimane dal Pra prevedono l’istanza del contribuente ed è previsto il pagamento dell’imposta di bollo;
  • le sospensioni successive a quella data saranno gratuite.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube