Permessi legge 104 per motivi di svago

25 Settembre 2020 | Autore:
Permessi legge 104 per motivi di svago

Il disabile beneficiario dei permessi mensili retribuiti non è obbligato ad utilizzare le assenze per esigenze di cura e di assistenza.

Il disabile in situazione di gravità, beneficiario dei cosiddetti permessi legge 104, non può essere licenziato se utilizza le assenze per finalità estranee alla cura e all’assistenza: lo ha stabilito la Cassazione, con una nuova ordinanza [1].

Quanto disposto dalla Cassazione potrebbe sembrare un via libera agli abusi nell’utilizzo dei permessi retribuiti mensili, ma non lo è affatto: a questo proposito, è fondamentale distinguere tra i permessi spettanti al lavoratore disabile (riconosciuto portatore di handicap in situazione di gravità) [2] ed i permessi spettanti al lavoratore che assiste un familiare con handicap grave riconosciuto.

Mentre i permessi spettanti al lavoratore che assiste il disabile, difatti, hanno una chiara ed univoca finalità, ossia quella di assicurare le dovute cure al portatore di handicap grave, i permessi spettanti al dipendente disabile in situazione di gravità hanno una finalità differente.

Nel dettaglio, in relazione al lavoratore disabile, che fruisce dei permessi mensili per sé stesso e non per assistere un’altra persona, la finalità dei permessi è quella di garantire non solo cure ed assistenza, ma anche l’integrazione sociale necessaria a ridurre l’impatto negativo dell’handicap grave.

È infatti necessario evidenziare che le disposizioni della legge 104, legge- quadro in materia di disabilità, sono preordinate a ristabilire l’equilibrio fisico e psichico necessario per godere di un pieno inserimento nella vita sociale e familiare. Tra l’altro, la tutela della salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività [3] non è da intendersi quale mera tutela fisica, ma come tutela dell’integrità psico-fisica [4] del lavoratore, anche con riferimento alla sfera dei rapporti sociali.

I permessi legge 104 per motivi di svago sono dunque consentiti? Secondo la Cassazione, la risposta è affermativa, qualora le assenze siano fruite dal lavoratore disabile: questi, difatti, non è obbligato a beneficiare dei permessi retribuiti per le sole finalità di cura, ma può beneficiarne anche per soddisfare le proprie esigenze di socializzazione, fondamentali per garantirne la salute psico-fisica, seriamente compromessa dalle patologie comportanti il riconoscimento dell’handicap grave.

Non dimentichiamo che l’handicap consiste proprio in uno svantaggio sociale, derivante da un’infermità o da una minorazione: più precisamente, è riconosciuto portatore di handicap chi presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, sia stabile che progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa. Per il disabile in situazione di gravità, l’integrazione nella famiglia e nella società può essere seriamente compromessa da ritmi lavorativi che non considerino le condizioni di svantaggio sopportate.

In base a quanto esposto, il portatore di handicap che usa i permessi per finalità non legate a esigenze di cura non può essere licenziato, ma può liberamente utilizzare le assenze per godere di un pieno inserimento nella vita sociale e familiare senza temere di essere sanzionato dal datore di lavoro. Anche qualora utilizzi i permessi in modo “strategico”, ad esempio in prossimità di festività, ponti e weekend, l’allontanamento dal posto di lavoro più a lungo rispetto agli altri dipendenti non è un comportamento sanzionabile, ma permette di rendere maggiormente compatibile l’attività lavorativa con la situazione di salute del dipendente.

Per approfondire, leggi: “Guida alla Legge 104“.


note

[1] Cass. ord. 20243/2020.

[2] Art.33, Co. 6, L. 104/1992.

[3] Art. 32 Cost.

[4] Art. 87 Cod. civ.; D.lgs. 81/2008.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube