Cronaca | News

Covid: possibile proroga stato di emergenza

26 Settembre 2020 | Autore:
Covid: possibile proroga stato di emergenza

L’aumento dei casi positivi al coronavirus porterebbe il Governo a mantenere il potere di agire con misure straordinarie. Escluso per ora il lockdown generale.

Il decreto sulla proroga dello stato di emergenza, che scade il 15 ottobre, potrebbe arrivare la prossima settimana sul tavolo del Consiglio dei ministri. L’aumento dei casi positivi al Covid registrato negli ultimi giorni avrebbe indotto il Governo a valutare seriamente questa possibilità, per mantenere la capacità di poter prendere delle misure immediate contro un’eventuale seconda ondata come quella della primavera scorsa, situazione che già si sta verificando in altri Paesi europei come Spagna, Regno Unito e Francia.

Sia dall’Istituto superiore di sanità sia dallo stesso ministero della Salute arrivano dei segnali di forte preoccupazione davanti ai numeri dell’andamento dei contagi. Secondo l’Iss, l’epidemia «è in lento e progressivo peggioramento». Lo dimostra anche l’aumento dei ricoveri in terapia intensiva legati al coronavirus ed in quello che l’Istituto definisce «un maggior carico sui servizi sanitari». Il ministro Roberto Speranza si limita a dire che «faremo una valutazione da qui a qualche settimana», ma aggiunge anche che «ci teniamo pronti ad ogni evenienza». Ma se a luglio lo stato di emergenza è stato prolungato con numeri inferiori a quelli attuali, la proroga di ottobre sembra scontata.

Il Ministero non esclude qualche lockdown in alcune zone specifiche che comprendano anche singoli o pochi Comuni, ma per ora esclude una chiusura generalizzata come quella di marzo. Nel frattempo, il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, ha già messo le mani avanti: se la situazione peggiora, «chiudiamo tutto», ha annunciato ieri. Mentre in Calabria, è tornato l’obbligo di indossare le mascherine anche all’aperto.

Tra una quindicina di giorni si farà il punto della situazione nelle scuole, quando sarà trascorso circa un mese dall’inizio delle lezioni. Nel frattempo, il Governo dovrà decidere come rinnovare il Dpcm sulle misure per contenere i contagi, decreto in scadenza il 7 ottobre. Si dovrà stabilire pure cosa fare con i tifosi di calcio, viste le pressioni per aumentare gli accessi agli stadi e la contrarietà dell’Iss e del ministero della Salute a questa evenienza.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Era ora che uscisse fuori quest’argomento. Era inevitabile e credo che bisognerà presto correre ai ripari. La gente prende sottogamba la situazione, ma il fatto che si sia arrivati ad imporre l’uso delle mascherine tutto il giorno e dover mettere delle sanzioni elevate è perché la gente non osserva le regole e allora occorre arrivare alle imposizioni, Basterebbe essere più responsabili per il nostro bene e di tutta la collettività

  2. Mi sembra ovvio che l’avvicinarsi della seconda ondata abbia fatto scattare l’allarme della proroga dello stato di emergenza. La riapertura delle scuole ha fatto e farà aumentare i casi dei contagiati. E’ inevitabile. Allora, bisogna essere ancora più attenti in certi luoghi e rispettare le norme igienico-sanitarie e mantenere il distanziamento. Certo, si soffrirà ancora per un po’ ma è il caso di essere prudenti e non abbassare la guardia

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube