Diritto e Fisco | Articoli

Imu coniugi con residenza diversa in Comuni diversi

27 Settembre 2020
Imu coniugi con residenza diversa in Comuni diversi

Esenzione Imu: spetta se i coniugi hanno casa di residenza diversa?

Come noto a tutti, l’attuale legge garantisce un’esenzione dal versamento dell’Imu sulla cosiddetta abitazione principale. L’abitazione principale non è solo quella di residenza ma anche di dimora abituale. Il che significa che non basta dichiarare all’Anagrafe di essere residenti in un determinato appartamento ma bisogna anche viverci per gran parte dell’anno.

Si è posto poi il problema dell’Imu per i coniugi con residenza diversa in Comuni diversi. Si pensi al caso del marito, residente nella casa ove vive la famiglia, e della moglie che invece abbia fissato la residenza in un altro luogo ove possiede un altro appartamento. L’espediente è abbastanza ricorrente per fare in modo di non pagare l’Imu anche sulla seconda casa. È chiaro che, se così fosse, si garantirebbe una facile scappatoia anche ai proprietari di più immobili. Senonché, tale possibilità è esclusa dalla legge. A spiegare perché è stata la Cassazione con una recente ordinanza [1].

Cerchiamo dunque di capire se l’esenzione Imu spetta ai coniugi con casa di residenza diversa.

Condizioni per esenzione Imu

Per ottenere l’esenzione Imu sono necessari due presupposti:

  • la residenza nell’immobile agevolato: si tratta di un dato che deve quindi figurare dall’ufficio Anagrafe del Comune;
  • l’abituale dimora in tale immobile: il contribuente vi deve cioè abitare in via prevalente rispetto ad eventuali ulteriori immobili posseduti. Così non è possibile ottenere l’esenzione Imu per la casa al mare visto che viene vissuta solo per poche settimane nel corso dell’anno.

In verità, la cosa è più scontata di quanto non possa sembrare. Difatti, ogni contribuente ha il dovere di dichiarare la residenza laddove vive abitualmente: dunque, dove c’è la residenza vi deve anche essere la dimora abituale. Diversamente, si commetterebbe il reato di falso in atto pubblico: ciascuno di noi infatti deve fornire all’ufficiale di Stato civile informazioni veritiere sulla propria residenza e non strumentali rispetto alle esigenze economiche. Senonché, proprio perché c’è molta gente che tenta di dribblare le norme fiscali, la legge ha ritenuto di dover specificare, in modo espresso, la coesistenza di tali due limiti.

Nel caso però di coppia sposata – sia essa in regime di comunione o separazione dei beni – la legge prevede un’ulteriore condizione: i requisiti appena visti (ossia residenza e abituale dimora) non devono riguardare solo il contribuente interessato al versamento dell’imposta, ma tutto il nucleo familiare. Cerchiamo di spiegarci meglio.

Moglie e marito con dimora e residenza diversa

Alla luce di quanto appena detto, se il marito e la moglie hanno residenze diverse, non potendo avere perciò la medesima dimora (perché, come anticipato, la dimora non può che essere il luogo di residenza), è esclusa l’esenzione Imu. A chiarirlo è stata la Cassazione nella sentenza in commento, già ripresa in precedenti pronunce. Leggi anche “Coniugi con residenza diversa: si paga l’Imu?“.

La Corte ha perciò ritenuto sacrosanto l’avviso di accertamento compiuto da una società di riscossione che opera per conto del Comune. Impossibile riconoscere l’esenzione prevista per l’abitazione principale e ciò perché il marito era residente in un Comune limitrofo. È stata, peraltro, ritenuta insufficiente la motivazione addotta da questi secondo cui lo spostamento di residenza era stato determinato da esigenze lavorative. Ciò consente al Comune di recuperare l’Imu non versata dall’altro coniuge negli ultimi cinque anni (tale è infatti il termine di prescrizione dell’imposta sulla casa).

Per i giudici della Suprema Corte «il tenore letterale della norma è chiaro», stabilendo che «l’imposta municipale propria non si applica al possesso dell’abitazione principale e delle sue pertinenze» e precisando che «per abitazione principale si intende l’immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, in cui il possessore ed il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente». Ciò comporta la necessità che «in riferimento all’unità immobiliare tanto il possessore quanto il suo nucleo familiare non solo vi dimorino stabilmente, ma vi risiedano anche anagraficamente».

Quindi, quando si tratta di coppia di coniugi (con o senza figli), per ottenere l’esenzione Imu è necessario che il requisito della dimora abituale e della residenza sia comune sia al marito che alla moglie.


note

[1] Cass. ord. n. 20130/20 del 24.09.2020.

Autore immagine: it.depositphotos.com

Corte di Cassazione, sez. VI Civile – T, ordinanza 8 – 24 settembre 2020, n. 20130
Presidente Mocci – Relatore Caprioli
Fatto
Ritenuto che :
Con sentenza n. 1142/ 6/2018, depositata il 27.11.2018 non notificata, la CTR dell’Abruzzo, sez. distaccata di Pescara, accoglieva l’appello di Ce. Be. relativamente ad una controversia avente ad oggetto avvisi di accertamento per Imu per l’anno di imposta 2013 ritenendo sussistente il presupposto per fruire dell’aliquota agevolata Imu da abitazione principale giacché la contribuente aveva la residenza anagrafica all’interno dell’immobile e la residenza anagrafica del coniuge in altro comune sarebbe stata giustificata da esigenze lavorative.
Avverso la sentenza della CTR la RIS.Co-società di riscossioni comunali s.r.l. ha proposto ricorso per Cassazione svolgendo un unico motivo. Ce. Be. si è costituita con controricorso illustrato da memoria.
Con l’unico articolato motivo la ricorrente deduce la violazione del D.L. n. 201 del 2011, art. 13, comma 2, in relazione all’art. 360 c.p.c. n. 3, per essere stata riconosciuta l’esenzione malgrado l’immobile non fosse stato adibito a dimora abituale dell’intero nucleo familiare.
Osserva infatti che la residenza del coniuge in altro Comune peraltro limitrofo non avrebbe consentito neppure presuntivamente di configurare il requisito della dimora abituale dei coniugi nell’immobile sito in Francavilla.
Diritto
Considerato che :
Il motivo è fondato.
Preliminarmente va rigettata l’eccezione di inammissibilità del ricorso sollevata dalla controricorrente ravvisandosi nella doglianza dedotta una critica afferente l’esatta portata della norma censurata.
Ciò posto in merito alla censura svolta si osserva che il tenore letterale della norma in esame è chiaro, diversificandosi in modo evidente dalla previsione in materia di ICI in tema di agevolazione relativa al possesso di abitazione principale, oggetto di diversi interventi normativi.
Il D.L. n. 201 del 2011, art. 13, comma 2, per quanto qui rileva, statuisce che “L’imposta municipale propria non si applica al possesso dell’abitazione principale e delle pertinenze della stessa, ad eccezione di quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 (…). Per abitazione principale si intende l’immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore ed il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente”.
Ciò comporta, la necessità che in riferimento alla stessa unità immobiliare tanto il possessore quanto il suo nucleo familiare non solo vi dimorino stabilmente, ma vi risiedano anche anagraficamente.
Ciò, d’altronde, è conforme all’orientamento costante espresso da questa Corte, in ordine alla natura di stretta interpretazione delle norme agevolative (tra le molte, in tema di ICI, più di recente, cfr. Cass. sez. 5, 11 ottobre 2017, n. 23833; Cass. sez. 6-5, ord. 3 febbraio 2017, n. 3011), condiviso anche dalla Corte costituzionale (cfr. Corte Cost. 20 novembre 2017, n. 242).
D’altronde, come indiretta conferma di quanto sopra osservato, rileva anche la modifica introdotta, nel contesto del citato D.L. n. 201 del 2011, art. 13, con l’aggiunta, ad opera della L. n. 208 del 2015, art. 1, comma 10, della previsione, al comma 3, del comma 3a), secondo cui, solo con decorrenza dal 1 gennaio 2016, la base imponibile dell’imposta municipale propria è ridotta del 50% “per le unità immobiliari, fatta eccezione per quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, concesse in comodato dal soggetto passivo ai parenti in linea retta entro il primo grado che le utilizzano come abitazione principale, a condizione che il contratto sia registrato e che il comodante possieda un solo immobile in Italia e risieda anagraficamente nonché dimori stabilmente nello stesso comune in cui è situato l’immobile concesso in comodato (…)” (Cass. 20368/2018; Cass. 5314/2019; Cass 2020 nr. 4166).
Nel caso di specie è accertato che solo la ricorrente aveva la propria residenza anagrafica nel Comune di Francavilla mentre il proprio coniuge, non legalmente separato, ha residenza e dimora abituale in altro Comune.
La sentenza va pertanto cassata con il rigetto dell’originario ricorso della contribuente non essendo necessari ulteriori accertamenti istruttori.
Le spese della fase di merito vanno compensate in considerazione dell’alternarsi dell’esito delle vicende.
Le spese della legittimità seguono la soccombenza.
P.Q.M.
Accoglie il ricorso cassa la sentenza impugnata con il rigetto dell’originario ricorso della contribuente; compensa le spese del merito; condanna la controricorrente al pagamento delle spese di legittimità che si liquidano in complessive Euro 1500,00 oltre accessori di legge ed al 15% per spese generali.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

6 Commenti

  1. esenzione imu prima casa coniugi con residenza in comuni differenti

    Buongiorno, io contribuente ho applicato la legge fino infondo,non vedo come la cassazione dopo la sua interpretazione vada a permettere al comune di richiedere gli arretrati.mi sta bene dalla sentenza in poi.
    grazie

  2. Ingiustissimo.
    Io sono residente nella città in cui lavoro e raggiungo mio marito nel fine settimana in una casa in cui pago l’imu al 50%essendo per me seconda casa , mentre per lui è la prima. Le case sono distanti una settantina di chilometri, tanto da non poter fare avanti e indietro tutti i giorni.
    Ora, a diversi anni di distanza, pretendono anche da lui il pagamento dell’imu in base al fatto che ci risiedeva solo lui. lo trovo molto ingiusto , noi effettivamente risiediamo abitualmente in due abitazioni, e per (purtroppo, grazie alla signora Fornero) motivi di lavoro!

  3. Ingiustissimo anche per me! La nostra situazione è identica alla situazione della signora Anna: io e mio marito siamo in regioni diversi per motivi lavorativi ed ora pretendono il pagamento retroattivo dal momento che la sentenza è del 2020. Se il comune ha necessità di maggiori entrate perchè rivolgersi ad onesti contribuenti che hanno rispettato la legge finora in vigore?

  4. Stessa situazione della signora Anna,io e mio marito siamo in due regioni diverse per motivi lavorativi. Abbiamo sempre pagato l’IMU come stabilito dalla legge, non capisco perchè dopo una sentenza del 2020 ci vengono richiesti pagamenti retroattivi. Gli onesti contribuenti non dovrebbero essere mai penalizzati anche se lo Stato o i vari comuni hanno necessità di più entrate

Rispondi a Marisa Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube