Cittadini tutti schedati

28 Settembre 2020 | Autore:
Cittadini tutti schedati

Secondo l’Agenzia per l’Italia Digitale, utilizzare una sola volta la Pec con un’amministrazione comporta restare per sempre nell’archivio di tutte le altre.

Chi ha una Pec corre il rischio di rimanere schedato negli archivi pubblici. Secondo il comitato di indirizzo dell’Agenzia per l‘Italia Digitale (che dipende dalla Presidenza del Consiglio dei ministri), e in virtù di quanto disposto dal decreto Semplificazioni, nel momento in cui un cittadino comunica a una pubblica amministrazione il proprio indirizzo di posta elettronica certificata, tutte le amministrazioni hanno accesso a questo recapito per qualsiasi comunicazione e il titolare della Pec non può cancellarsi dall’archivio.

La segnalazione fa parte di un documento che l’Agenzia ha inviato al Governo con una serie di considerazioni sul dl Semplificazioni, documento di cui Il Sole 24 Ore ha svelato alcuni contenuti. Il rapporto acquisisce maggiore rilievo dal momento che il comitato che l’ha sottoscritto è indicato dalla normativa come l’organo di indirizzo strategico dell’Agenzia per l’Italia Digitale ed è composto da esponenti di alcuni ministeri e dai rappresentanti delle Regioni.

Secondo il comitato, dunque, può capitare che un cittadino che ha utilizzato la Pec solo una volta in vita sua per comunicare con la scuola dei figli si veda arrivare a quell’indirizzo una multa da un soggetto con cui non è mai entrato in contatto per quella via. Se ne deduce che, in questo modo, gli italiani diventano facilmente schedati dalla Pubblica Amministrazione.

Il documento, rivela ancora il quotidiano di Confindustria, parla anche del rischio di un aumento della corruzione e delle inadempienze da parte della «cosa pubblica» proprio a causa del decreto Semplificazioni. Le sanzioni -si legge – potrebbero restare sulla carta, visto che il provvedimento recentemente convertito in legge omette di indicare il soggetto che verifica le inadempienze sul processo di transizione digitale, in partenza dal 1° marzo 2021. D’altro canto, vengono cancellate le verifiche sui grandi appalti informatici. In sostanza, la Pubblica amministrazione è in grado di spendere ciò che vuole senza che un tecnico dello Stato possa controllare il perché.

Il comitato nutre anche dei dubbi sull’utilizzo dell’app IO, nella quale adesso tutte le amministrazioni devono inserire le loro applicazioni, comprese le scuole e le Asl, e sull’obbligo di rendere tutti i servizi dello Stato disponibili da remoto per permettere l’accesso allo smart working. Secondo l’organismo dell’Agenzia, il rischio di attacchi informatici diventa così più concreto.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube