Reddito di cittadinanza: Conte lo vuole cambiare così

28 Settembre 2020 | Autore:
Reddito di cittadinanza: Conte lo vuole cambiare così

Il premier spinge per la creazione di un sistema informatico che metta i beneficiari nelle condizioni di trovare ed accettare un lavoro.

Una nuova versione del reddito di cittadinanza entro sei mesi. È la richiesta che il premier, Giuseppe Conte, ha fatto ai ministri del Lavoro e dell’Innovazione digitale, Nunzia Catalfo e Paola Pisano, e al presidente dell’Agenzia nazionale per le politiche attive sul lavoro, Domenico Parisi. Conte vuole che la prestazione di sostegno al reddito per le famiglie meno abbienti non si riduca ad un semplice intervento assistenziale ma che abbia una sua progettualità. In altre parole, che non metta il beneficiario nella condizione di essere solo «mantenuto» dallo Stato ma anche in quella di sentirsi in dovere di trovare un’alternativa.

Il premier, in alcuni incontri con i ministri citati e con il capo dell’Anpal, avrebbe lamentato il fatto che, a 18 mesi dall’introduzione della prestazione, ancora non c’è un sistema concreto per aiutare sia i disoccupati a trovare un lavoro sia le aziende a reperire personale. Ed ha concluso che così non si può andare avanti.

La ministra Pisano, su richiesta del presidente del Consiglio, dovrà creare un gruppo di lavoro incaricato di mettere in piedi una struttura informatica in grado di far comunicare tra loro i sistemi di ciascuna Regione e che, in una seconda fase, si trasformi in un’app nazionale. L’obiettivo è far sì che il beneficiario del reddito di cittadinanza non abbia più alibi per trovare ed accettare un lavoro.

Il sistema, ha insistito Conte, deve essere funzionante entro sei mesi, coinvolgendo anche le imprese.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Egr. Conte, NON 6 MESI, MA 6 GIORNI. Basta “TERRONATE”, se hai le palle , FAI LAVORARE I TUOI MINISTRI che DEVONO ESSERE ANCHE COMPETENTI NO9N APPARTENENTI AD UN PARTITO POLITICO SOLO. Le PUTTANATE che in quest’ultimo anno avete combinato son già COSTATE 100 mld al POPOLO ITALIANO, pari a 5 finanziarie, senza contare gli ulteriori prolungamenti. Io ho lavorato per il benessere della mia famiglia, NON per quello di scansafatiche (RdC), né per il CLANDESTINI PARACULI. Pertanto dagli un taglio e comincia a maturare e fare altrettanto. Hai giurato di “fare gli interessi dell’ITALIA e degli ITALIANI”, NON DI FINANZIERI, FANCAZZISTI, PARACULI E STRANIERI!

  2. Come sempre si sparano cazzate, parlate di lavoro,mi dica dove il lavoro che parlate , non ce da nessuna parte,pertanto basta con gli annunci e fate qualcosa di serio che non sia il vostro portafoglio. Ora se avete palle ,forza al lavoro ,altrimenti fate piu bella figura a dimettervi e andare a nuove elezioni o detto tutto siete solo e soltanto il governo delle chiacchere

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube