HOME Articoli

Lo sai che? Esenzione della dichiarazione di successione: quando e come

Lo sai che? Pubblicato il 3 dicembre 2013

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 3 dicembre 2013

Io e i miei figli abbiamo ereditato beni per un valore complessivo di 60.000 euro; siamo esonerati dalla dichiarazione di successione usufruendo del provvedimento che ha innalzato la soglia a 75.000,00 Euro? se si che numero di legge o provvedimento devo indicare nella lettera di manleva che la banca ci ha richiesto?

Sfortunatamente tale beneficio non è possibile e bisogna comunque procedere alla dichiarazione di successione. L’esenzione in commento è contenuta in un disegno di legge approvato quest’estate dal Consiglio dei Ministri ma che non ha ancora completato il previsto iter parlamentare.

Dal sito internet del Senato della Repubblica risulta infatti che il disegno di legge in questione è ancora in corso di esame da parte delle varie commissioni competenti per le norme in esso contenute (http://www.senato.it/leg/17/BGT/Schede_v3/Ddliter/41674.htm).

Come infatti noto, tutte le proposte di legge (in gergo tecnico dette “disegni di legge” o anche ddl) devono essere approvate da entrambi i rami del Parlamento (Camera dei Deputati e Senato della Repubblica) nello stesso testo per entrare ufficialmente in vigore e avere forza cogente nei confronti di tutti i cittadini.

Unica eccezione a questo meccanismo sono i Decreti Legge, che sono emanati direttamente dal Governo, e i Decreti Legislativi, anch’essi emanati dal Governo ma a seguito della promulgazione da parte del Parlamento di una legge delega.

La norma qui invocata invece è contenuta in un provvedimento destinato a divenire Legge ordinaria e pertanto, prima di prendere efficacia, deve ottenere l’approvazione tanto della Camera quanto del Senato.

Poiché allo stato non è consentito fare delle previsioni sulla sua entrata in vigore, bisogna continuare a fare riferimento al vigente legge [1] in forza della quale il valore dell’asse ereditario entro il quale non è obbligatoria la dichiarazione di successione è di Euro 25.823.

note

[1] Art. 28 comma 7 del Testo Unico delle disposizioni concernenti l’imposta sulle successioni e le donazioni (D.Lgs. n. 346/90).

Allo stato attuale, prendendo atto del valore dell’asse ereditario da Lei indicato, sussiste l’obbligo di presentare la dichiarazione di successione presso l’Agenzia delle Entrate.

Una volta compiuto tale incombente e dietro presentazione alla Banca di una copia registrata della dichiarazione stessa, gli eredi saranno in grado di svincolare i conti correnti e gli altri titoli depositati presso gli istituti di credito.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

  1. Mi scusi se la disturbo. Desideravo sapere se gli invalidi civili ai sensi della 104 , in caso di decesso del coniuge, sono esentati dalla tassa di successione , o in alternativa se beneficiano di agevolazioni o riduzioni ? Nel ringraziarLa anticipatamente per l’attenzione e la gradita risposta , Cordialmente saluto .

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI