Diritto e Fisco | Articoli

Le città italiane dove ci sono più furti, truffe, scippi ed estorsioni

2 Dicembre 2013
Le città italiane dove ci sono più furti, truffe, scippi ed estorsioni

Ordine pubblico: nella top ten delle città più sicure in ordine alla incidenza di furti la più tranquilla è, per un altro anno ancora, Oristano. Al fondo classifica troviamo, come è normale aspettarsi, le città più grandi: Torino, Milano, Roma, Napoli (che si ferma al 93° posto).

Il Sole 24 Ore di stamane ha pubblicato un inserto speciale dedicato alle città più e meno virtuose in Italia. Nella graduatoria, quella più interessante riguarda l’ordine pubblico.

Scippi, borseggi e rapine. La città più sicura è Oristano dove si registra la più bassa incidenza ogni 100mila abitanti, seguita da Sondrio e Isernia e dalle lucane Matera e Potenza.

In fondo alla classifica ci sono Torino, Bologna e Rimini (come tutti gli anni penalizzata dal fatto che l’indicatore rapporta le denunce alla popolazione residente e non a quella che orbita nell’area tutto l’anno tra turismo e manifestazioni).

Furti nelle case. Gli appartamenti meno “visitati” dai ladri si trovano a Crotone, Oristano, Matera e Napoli. Al contrario, le più svaligiate sono Lucca, Savona e Pavia.

Furti d’auto. I parcheggi più tranquilli sono a Belluno, Bolzano, Sondrio e Trento (tra le 12 e le 23 denunce ogni 100mila abitanti). Il record negativo spetta invece a Catania, con 830 denunce per 100mila abitanti, preceduta da altre province del Sud o grandi (Bari, Napoli, Roma, Foggia, Palermo e Milano).

Estorsioni. Il livello più basso spetta a Treviso, Ferrara e Udine e al più alto a Foggia e Pescara (oltre 20).

Sul fronte truffe la medaglia d’oro per disciplina spetta a Como e Matera. Come ormai da diversi anni, in fondo alla classifica c’è Napoli (quasi il doppio della media dei valori).


note

Autore foto: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

    1. Il Razzismo contro centri, dove problemi hanno ragioni, e dove continuano miglioramenti da ormai oltre 10 anni, del sud, creerà’ una brutta immagine del nord-italia negli occhi di tutto il mondo veramente moderno e senza pregiudizi, del mediterraneo dell’africa dell’aria e delle americhe… – La faccia europea d’italia in molteplici giornali e dal 1860 in parallelo con la stampa inglese, continua ad attaccare Napoli e il sud-italia e quando Napoli si svilupperà’ e migliorerà’ ulteriormente anche economicamente come sta iniziando negli ultimi anni, resteranno solo a occhi aperti, ..vedendo la societa’ Partenopea durante una qualsiasi visita delle piazze e strade il giorno e la notte…
      La campania, sta sbocciando..insieme a tutto il Mezzogiorno, e il mediterraneo, dal quale la storia moderna con Napoli e Istanbul trascurate nelle falsificazioni storiche, quando erano sulla buona strada dietro a Londra e Parigi, e insieme a tutto il sudeuropa, mediterraneo, africa, asia, e le amiche, sono stati pugnalati dal mondo centroeuropeo, e nord.americane, che persino l’estremo nord-europa marittimo di Amsterdam, Berlino e Copenhagen, non condivide. Tanti Giornalisti, dimostrano di essere affilatissimi da pregiudizi, fortificando il pregiudizio, che al nord- da sempre, e negli ultimi anni anche sempre un po di + anche in certe zone del centro, si crea una forte impronta di facile creazione di pregiudizi, e alle volte propio razzismo, nelle mentalità’ di molte persone..
      Spero solo che l’Italia che amo come intera, vada avanti nella direzione giusta…queste figure di merda culturali i giornali non possono farle fare..
      La societa’ serba e’ afflitta dal pregiudizio che tutti vogliano la guerra, – Socialmente noi , italiani, che immagine di maturità’ sociale vogliamo dare ? Certo con giornalisti che introducono simili passaggi, possiamo sembrare solo un branco di barbari d’oltralpe dell’ avanticristo, e in un italia cosi’ molti al nord, centro e al sud non ci vorranno stare
      Vota-UNIONE MEDITERRANEA- per una VERA Italia, come la sogniamo…

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube