Cronaca | News

Covid, il punto sui contagi: più colpito il Sud

30 Settembre 2020 | Autore:
Covid, il punto sui contagi: più colpito il Sud

Trend in salita dell’11% nell’ultima settimana. Campania, la regione con più casi. Aumentano i numeri dei tamponi e dei decessi. Chiesto lo stop al calcio.

Non si arresta l’aumento dei contagi da Covid in Italia. Nella settimana dal 23 al 29 settembre (cioè fino a ieri), la diffusione del virus è cresciuta dell’11%, seguendo il trend della settimana precedente, quando l’incremento registrato era stato del 10,8%. I casi totali a ieri sono 12.115, praticamente gli stessi che c’erano al 5 maggio.

La tendenza all’aumento si rileva soprattutto al Sud. La regione più colpita è la Campania, con un numero di casi superiore a quelli di Lombardia e Lazio: in una settimana, nella regione che fa capo a Napoli i casi sono cresciuti del 38%. Anche Lazio, Sicilia e Basilicata registrano degli incrementi consistenti. Al Nord, restano sotto stretta osservazione Lombardia, Veneto e Piemonte.

Tutto ciò mentre c’è stato un numero record di tamponi utilizzati: oltre 652mila in una sola settimana, 15mila in più rispetto ai sette giorni precedenti. Questo ci porta ad un altro dato interessante quanto preoccupante: la percentuale tra il numero di tamponi utilizzati ed i casi positivi riscontrati continua ad aumentare: siamo all’1,86% contro l’1,50% di un mese fa.

Cresce anche il numero dei decessi: 137 nella settimana presa in esame contro i 105 del periodo precedente.

Intanto, mentre alcuni governatori impongono nuove restrizioni sull’uso delle mascherine all’aperto e gli orari di chiusura dei locali pubblici, la sottosegretaria Sandra Zampa ha smentito di avere chiesto questa mattina, in un’intervista a Radio Capital, di sospendere il campionato di calcio di serie A dopo i 14 casi positivi rilevati tra i giocatori del Genoa. «Ho solo detto che quei calciatori non devono giocare», ha precisato Zampa.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube