Questo sito contribuisce alla audience di
L’esperto | Articoli

Diritto di accesso agli atti: ultime sentenze

7 Aprile 2022
Diritto di accesso agli atti: ultime sentenze

L’interesse diretto, concreto ed attuale; le finalità difensive e la tutela di situazioni giuridicamente rilevanti.

Lo straniero può esercitare il diritto di accesso agli atti del fascicolo amministrativo?

L’acquisizione del titolo di soggiorno è strumento necessario a comprovare la legittima permanenza sul territorio dello Stato e l’eventuale diniego dell’istanza di regolarizzazione deve essere tempestivamente portato a conoscenza dell’interessato onde consentire allo stesso le opportune difese. Di conseguenza, va accolta l’istanza di accesso agli atti avanzata dallo straniero avente ad oggetto gli atti del fascicolo amministrativo relativo alla propria domanda di regolarizzazione ai sensi dell’art. 1 ter, l. n. 102/2009.

T.A.R. Napoli, (Campania) sez. VI, 08/10/2021, n.6357

Accesso ai documenti amministrativi

Il diritto di difesa, fondante l’esercizio del diritto di accesso agli atti, non può prevalere quando vi sia un contrapposto interesse privato espressamente tutelato da una norma, a maggior ragione se tale interesse sia associato a un concomitante interesse pubblico, In queste situazioni, il contenuto delle informazioni accessibili viene ridotto, secondo valutazioni da svolgere caso per caso.

T.A.R. Brescia, (Lombardia) sez. II, 06/08/2021, n.732

Prevalenza del diritto di accesso sulle esigenze di riservatezza

Le previsioni del comma 1 dell’art. 59, d.lgs. n. 193/2003 e del comma 7 dell’art. 24, l. n. 241/1990 assegnano la prevalenza del diritto di accesso agli atti amministrativi sulle esigenze di riservatezza, che vanno considerate recessive quando l’accesso sia esercitato prospettando l’esigenza della difesa di un interesse giuridicamente rilevante.

T.A.R. Brescia, (Lombardia) sez. II, 06/08/2021, n.734

L’estratto del verbale del COA

L’estratto del verbale del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati-COA che non permette di conoscere a colui che ha esercitato il diritto di accesso agli atti come si è formata la volontà del COA non soddisfa la pretesa di conoscenza dell’istante, perché detta pretesa dovrà essere soddisfatta mediante il rilascio di un documento integrato con l’indicazione del numero dei votanti e con l’indicazione del numero dei componenti presenti che si è pronunciato a favore dell’impugnazione ed eventualmente del numero di quelli contrari ed astenuti.

T.A.R. Brescia, (Lombardia) sez. II, 05/07/2021, n.627

Il differimento del diritto di accesso agli atti 

L’art. 1052 del Codice dell’ordinamento militare – pur disponendo il differimento del diritto di accesso – non pregiudica gli interessi difensivi dell’interessato dal momento che questi potrà avere accesso a tutti gli atti di suo interesse al termine del procedimento disciplinare; momento in cui si sostanzia l’eventuale pregiudizio per l’interessato e assume rilevanza l’interesse difensivo e la necessità di piena conoscenza degli atti in base ai quali è stata adottata la relativa misura disciplinare.

T.A.R. Napoli, (Campania) sez. VI, 01/07/2021, n.4543

Diritto di accesso: limitazioni

L’art. 24, comma 7, l. n. 241/1990, nel prevedere, immediatamente dopo l’individuazione ad opera del comma 6 dei documenti sottratti all’accesso, che deve comunque essere garantito ai richiedenti l’accesso ai documenti amministrativi, la cui conoscenza sia necessaria per curare o per difendere i propri interessi giuridici, ha sancito la tendenziale prevalenza del c.d. « accesso difensivo » anche sulle antagoniste ragioni di riservatezza o di segretezza tecnica o commerciale delle parti controinteressate, sicché il problema del bilanciamento delle contrapposte esigenze delle parti, diritto di accesso e di difesa, da un lato, e diritto di riservatezza dei terzi, dall’altro, deve essere risolto dando prevalenza al diritto di accesso qualora sia strumentale alla cura o alla difesa dei propri interessi giuridici. L’ordinamento italiano non consente dubbi circa la prevalenza del diritto di accesso agli atti per fini defensionali, rispetto alle eventuali contrapposte esigenze di riservatezza delle informazioni.

T.A.R. Roma, (Lazio) sez. III, 07/06/2021, n.6756

Pendenza di un giudizio civile

L’accesso ai documenti non è precluso dalla pendenza di un giudizio civile, né può essere condizionato al suo avvio, nella cui sede l’ostensione degli stessi documenti « può » essere disposta dal G.O., mediante ordine istruttorio ex art. 210 c.p.c. oppure mediante richiesta di informazioni ex art. 213 c.p.c., stante l’autonomia della posizione sostanziale tutelata con gli artt. 22 e ss., l. n. 241/90 rispetto alla posizione che l’interessato intende difendere con altro giudizio e della relativa azione posta dall’ordinamento a tutela del diritto di accesso, perché, diversamente opinando, ciò si tradurrebbe in una illegittima limitazione del diritto di difesa delle parti, con conseguente lesione del principio dell’effettività della tutela giurisdizionale.

T.A.R. Roma, (Lazio) sez. III, 04/06/2021, n.6701

Diritto di accesso: silenzio della PA

Illegittimo il silenzio serbato dall’amministrazione in ordine all’istanza di ostensione di una certificazione del rapporto concessorio sulla cui base il richiedente ha esercitato negli anni passati il servizio di affissioni nel medesimo Comune e, in particolare, un’attestazione del proprio titolo di proprietà sugli impianti utilizzati per le stesse affissioni, di cui si sarebbe illegittimamente appropriato il nuovo gestore del servizio.

T.A.R. Catania, (Sicilia) sez. II, 20/05/2021, n.1648

Accesso agli atti: presupposti

Ai fini dell’esercizio del diritto di accesso agli atti non occorre una piena ed assoluta certezza che gli atti siano lesivi, essendo sufficiente un prognosi probabilistica in tal senso; dovendo peraltro rilevarsi come neppure sia utile, ai fini del diniego ostensivo da parte dell’Amministrazione Pubblica, la circostanza che il Giudice non abbia terminato l’istruttoria.

T.A.R. Napoli, (Campania) sez. VI, 15/04/2021, n.2403

Accesso agli atti di una procedura di gara

Non rilevano, ai fini del riconoscimento o meno dell’accesso agli atti della procedura di gara, ivi comprese le domande di partecipazione degli altri operatori controinteressati, la posizione in graduatoria del richiedente l’accesso o le sue più o meno cospicue chances di vittoriosamente esperire i rimedi giurisdizionali.

T.A.R. Napoli, (Campania) sez. VI, 01/04/2021, n.2210

Diritto soggettivo e interesse legittimo

L’esercizio del diritto di accesso agli atti amministrativi presuppone che il soggetto richiedente abbia un diritto soggettivo od un interesse legittimo o vanti, comunque, un interesse differenziato e qualificato all’ostensione, finalizzato alla tutela di situazioni giuridiche soggettive anche soltanto future.

Consiglio di Stato sez. VI, 15/02/2021, n.1343

Privacy e diritto di accesso

Le previsioni del comma 1 dell’art. 59, d.lgs. n. 193/2003 (c.d. Codice della Privacy ) e del comma 7 dell’art. 24 della l. n. 241/1990 (in base al quale “deve comunque essere garantito ai richiedenti l’accesso ai documenti amministrativi la cui conoscenza sia necessaria per curare o per difendere i propri interessi giuridici“) hanno codificato la prevalenza del diritto di accesso agli atti amministrativi sulle esigenze di riservatezza, che vanno considerate recessive quando l’accesso sia esercitato prospettando l’esigenza della difesa di un interesse giuridicamente rilevante.

T.A.R. Roma, (Lazio) sez. III, 08/04/2020, n.3841

Il diritto di accesso agli atti amministrativi

Il diritto di accesso agli atti amministrativi, anche nell’ipotesi in cui l’accesso potrebbe interferire con l’esigenza di tutela della riservatezza di terzi, deve essere garantito, seppure nei limiti in cui sia strettamente indispensabile, nel caso in cui la conoscenza del documento di cui l’interessato chiede l’ostensione sia necessaria per curare o per difendere i propri interessi giuridici.

T.A.R. Roma, (Lazio) sez. III, 16/04/2020, n.3985

Quali atti possono essere sottratti al diritto di accesso?

In tema di diritto di accesso agli atti, l’esistenza di un’indagine penale non implica la non ostensibilità di tutti gli atti o provvedimenti che possano risultare connessi con i fatti oggetto di indagine; solamente gli atti per i quali è stato disposto il sequestro o coperti da segreto possono essere sottratti al diritto di accesso.

T.A.R. Palermo, (Sicilia) sez. I, 20/05/2020, n.1006

Chi riguarda il diritto di accesso agli atti amministrativi?

I soggetti interessati al diritto di accesso agli atti amministrativi sono tutti i soggetti privati, portatori di interessi pubblici o diffusi, che abbiano un interesse diretto, concreto e attuale, corrispondente ad una situazione giuridicamente tutelata e collegata al documento del quale è chiesta l’ostensione.

T.A.R. Salerno, (Campania) sez. I, 15/05/2020, n.520

Quando è esercitabile il diritto di accesso agli atti?

L’accesso agli atti deve essere considerato non solo ed esclusivamente come un istituto capace di permettere la conoscenza dei documenti amministrativi in via strumentale alla partecipazione procedimentale o alla difesa in giudizio, ma anche come idoneo ad ottenere la conoscenza di atti del procedimento amministrativo ogniqualvolta venga allegata la sussistenza di un interesse alla tutela di situazioni giuridicamente rilevanti, la cui nozione è più ampia ed estesa rispetto a quella dell’interesse all’impugnazione, potendo avere ad oggetto atti idonei a dispiegare effetti diretti o indiretti nei confronti dell’istante indipendentemente dalla sussistenza o meno di una loro lesività.

T.A.R. Napoli, (Campania) sez. VI, 09/03/2020, n.1080

La necessità di tutelare un interesse

Il diritto di accesso agli atti amministrativi non deve essere garantito a chiunque, prescindendo da qualsivoglia accertamento in ordine alla necessità del richiedente di tutelare un proprio interesse, non potendo ammettersi che chiunque possa avere accesso a informazioni altrui in virtù della mera generica allegazione di essere intenzionato a tutelare un proprio interesse.

T.A.R. Milano, (Lombardia) sez. I, 14/11/2019, n.2403

Diritto di accesso agli atti: condizioni e presupposti

Ai fini dell’accesso agli atti, il soggetto richiedente deve poter vantare un interesse che, oltre ad essere serio e non emulativo, rivesta carattere personale e concreto, ossia ricollegabile alla persona dell’istante da uno specifico rapporto. In sostanza, occorre che il richiedente intenda poter supportare una situazione di cui è titolare, che l’ordinamento stima di sua meritevole tutela, con la conseguenza che non è sufficiente addurre il generico e indistinto interesse di qualsiasi cittadino alla legalità e al buon andamento dell’attività amministrativa, bensì è necessario che il richiedente dimostri che, in virtù del proficuo esercizio del diritto di accesso agli atti e/o documenti amministrativi, verrà inequivocabilmente a trovarsi titolare di poteri di natura procedimentale, volti in senso strumentale alla tutela di altri interessi giuridicamente rilevanti.

T.A.R. Napoli, (Campania) sez. VI, 04/10/2019, n.4735

Chi può presentare istanza di accesso agli atti amministrativi?

Il diritto di accesso agli atti amministrativi, previsto dall’art. 22 del D.Lgs. 104/2010, legittima un soggetto alla presentazione della relativa istanza laddove l’interesse ad accedere sia diretto, concreto, attuale e non meramente emulativo.

T.A.R. Milano, (Lombardia) sez. I, 08/04/2019, n.770

Esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi

Il diritto di accesso agli atti è consentito solo a coloro che sono titolari di una posizione differenziata rispetto al quisque de populo, nonché di un interesse diretto, concreto ed attuale corrispondente ad una situazione giuridicamente tutelata e collegata ai documenti ai quali è chiesto l’accesso.

T.A.R. Genova, (Liguria) sez. II, 07/10/2019, n.755

Prevalenza del diritto di accesso sulle esigenze di riservatezza 

Nell’ambito dell’esercizio del diritto di accesso agli atti, le necessità difensive, riconducibili all’effettività della tutela di cui all’art. 24 Cost., devono ritenersi prevalenti rispetto a quelle della riservatezza, dovendo tuttavia considerarsi determinati limiti allorché vengano in considerazione dati sensibili o sensibilissimi, ossia i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale degli individui; in questi casi l’accesso è consentito a particolari condizioni, disciplinate dall’art. 60 del D.Lgs. n. 196/2003.

T.A.R. Roma, (Lazio) sez. III, 16/04/2020, n.3985

Il nesso di strumentalità fra l’interesse all’accesso e la sua rilevanza

Ai fini del legittimo esercizio del diritto di accesso agli atti amministrativi, il nesso di strumentalità fra l’interesse all’accesso e la sua rilevanza ai fini della proposizione di un giudizio deve essere inteso in senso ampio, dovendo la documentazione richiesta costituire, genericamente, un mezzo utile per la difesa dell’interesse del richiedente e non, invece, uno strumento di prova diretta della lesione di tale interesse.

T.A.R. Salerno, (Campania) sez. I, 10/12/2018, n.1787



Sostieni laleggepertutti.it

"La Legge per Tutti" è una testata giornalistica indipendente che da oltre 10 anni informa gratuitamente milioni di persone ogni mese senza il supporto di finanziamenti pubblici. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale.Diventa sostenitore clicca qui

5 Commenti

  1. Mi spiegate come funziona il diritto di accesso agli atti e ai documenti amministrativi? Io ho sempre sentito dire che la pubblica amministrazione deve essere trasparente e quindi mi domando se può rifiutarsi l’esercizio del diritto di accesso e come tutelarsi in caso di silenzio o di rifiuto?

    1. Il diritto di accesso agli atti e ai documenti amministrativi è teso a garantire che la pubblica amministrazione svolga la sua azione in modo imparziale e trasparente. Tuttavia, non è consentito un accesso agli atti generalizzato: possono accedervi solo i soggetti che vantano una posizione qualificata e differenziata rispetto alla generalità dei consociati. Cosa vuol dire una posizione qualificata e differenziata? Per prima cosa, che non puoi accedere a quei determinati atti per attuare un controllo generalizzato sull’operato dell’amministrazione pubblica, ma devi vantare un interesse specifico. L’interesse può definirsi specifico se è attuale, ossia l’interesse all’accesso deve emergere già al momento della richiesta di accesso (ad esempio, non puoi fare richiesta di accesso perché forse un giorno potresti decidere di agire in giudizio); se è concreto, vale a dire se è evidente che ci sia un diritto da tutelare; se è personale, è necessario che sussista un collegamento tra te e il provvedimento.

    2. Se la tua richiesta di accesso agli atti è stata respinta ti si aprono due strade, una stragiudiziale e l’altra giudiziale. La prima consiste nella possibilità di ricorrere, entro il termine di trenta giorni dal diniego, al difensore civico e questi, a sua volta, dovrà pronunciarsi entro trenta giorni, altrimenti il ricorso è da ritenersi respinto. Fai attenzione che puoi ricorrere al difensore civico solo se hai avanzato la tua richiesta di accesso nei confronti di una amministrazione regionale, provinciale o comunale. Nel caso in cui tu abbia fatto domanda di accesso ad una amministrazione dello Stato, invece, dovrai rivolgerti alla Commissione per l’accesso ai documenti amministrativi. Una volta che o il difensore civico o la Commissione avranno accolto la tua richiesta, potrai accedere liberamente ai documenti. Se preferisci percorrere la via giudiziale, devi presentare ricorso al Tar (Tribunale amministrativo regionale) entro il termine di trenta giorni. Nel caso in cui il giudice accolga la tua richiesta, sarà ordinato all’amministrazione resistente di esibire i documenti.

  2. Posso avere informazioni sul procedimento amministrativo in corso per il rilascio di un’autorizzazione amministrativa? Come posso avere l’accesso agli atti? Vorrei conoscere le ragioni del eventuale diniego di un’autorizzazione amministrativa per capire quali sono state le motivazioni del respingimento della mia istanza

    1. Le modalità di presentazione dell’istanza sono molto semplici e non richiedono particolari adempimenti. E’ sufficiente scrivere una lettera indirizzata all’ente di riferimento che sta valutando l’istanza con intestazione formale del tipo: Spett.le Comune di (X) con l’indirizzo (X), alla Cortese Attenzione dell’Ufficio (X) e specificare nell’oggetto dell’istanza di accesso agli atti ai sensi dell’art. 22 della Legge 241/1990 che si richiede di estrarre copia degli atti relativi al procedimento amministrativo prot. N. (X). Chiunque abbia un interesse specifico e personale può presentare istanza di accesso agli atti, sottoscriverla e depositarla in originale presso l’ufficio competente che avrà 30 giorni di tempo per rispondere all’istante. L’istanza è gratuita e può essere depositata in cartaceo presso l’amministrazione o inviata anche tramite posta elettronica certificata. Qualora l’amministrazione non risponda entro 30 giorni dalla presentazione dell’istanza il soggetto per tutelare i propri diritti può presentare ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale del luogo in cui ha depositato l’istanza o rivolgersi al Difensore Civico per ottenere il riesame della determinazione che ha respinto l’accesso.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube