Riforma delle tasse: chi ci guadagna

1 Ottobre 2020 | Autore:
Riforma delle tasse: chi ci guadagna

Il ministro Gualtieri valuta l’ipotesi di eliminare gli scaglioni Irpef per creare un sistema che fornisca un’aliquota personalizzata in base al reddito.

Il modello fiscale tedesco piace sempre di più al ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri. Tant’è che si starebbe facendo sedurre dalla proposta di revisione delle aliquote Irpef che potrebbe beneficiare in modo particolare i ceti medio e basso. Sarebbero loro a guadagnarci maggiormente dalla riforma delle tasse se passasse l’idea sulla quale Gualtieri ragiona oggi con i suoi tecnici. «Se passasse», perché all’interno della maggioranza (renziani e una parte dei pentastellati) c’è chi non gradisce questa proposta.

L’ipotesi prevede un taglio dell’aliquota media di 2 punti per i redditi tra i 15mila e i 20mila euro, e di 3 punti per quelli sui 40mila euro. Nulla verrebbe toccato per i redditi più alti, quelli sopra i 70mila euro.

La vera rivoluzione consisterebbe nel far sparire le attuali cinque aliquote Irpef per crearne una calcolata sul reddito di ogni contribuente. Andrebbe, in questo modo, in soffitta anche l’idea di sostituire le cinque aliquote con tre, evitando di creare dei «salti» penalizzanti per chi guadagna di meno a beneficio di chi guadagna di più.

Tra i vantaggi del modello che piace a Gualtieri c’è quello dell’immediatezza: sarebbe possibile calcolare l’imposta netta da pagare inserendo il proprio reddito in un calcolatore o in un’app: un algoritmo darebbe al contribuente la risposta in tempi brevissimi, aggirando il problema di fare mille calcoli. Una procedura resa ancora più semplice dall’eliminazione delle deduzioni da lavoro dipendente e dal bonus Renzi da 80 euro, oggi sostituito con il bonus lavoro da 100 euro. Questi elementi farebbero parte dell’algoritmo che calcolerebbe a ciascun cittadino le tasse da pagare entro un massimo del 43%.

Come detto, renziani e grillini non vedono di buon occhio questa proposta. Italia Viva chiede di abbassare le aliquote e di rivedere gli scaglioni cancellando la maggior parte delle agevolazioni fiscali, senza toccare quelle relative alla sanità, alla prima casa e alla previdenza. Anche il Movimento 5 Stelle punta sulla revisione degli scaglioni.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube