Chiropratico: niente Iva se ha la formazione adeguata

2 Ottobre 2020 | Autore:
Chiropratico: niente Iva se ha la formazione adeguata

Per la Cassazione, l’esenzione dall’imposta è ammessa solo se è stato frequentato un istituto di insegnamento riconosciuto dallo Stato.

Non va pagata l’Iva sulla prestazione di un chiropratico che ha l’adeguata formazione per eseguire un servizio di qualità. Lo ha disposto la Cassazione con una sentenza depositata oggi [1]. In caso contrario, l’esenzione dall’imposta non viene riconosciuta.

Per formazione adeguata, precisa la Suprema Corte, si intende quella impartita in un istituto di insegnamento riconosciuto dallo Stato, «anche in mancanza dell’istituzione del registro dei dottori in chiropratica e dell’attivazione del relativo corso di laurea magistrale», si legge nella sentenza.

Ciò che preme sottolineare ai giudici è che per poter beneficiare dell’esenzione Iva prevista dalla legge [2] occorre fornire delle prestazioni che rispettino gli standard di qualità, da garantire solo con l’opportuna formazione.


note

[1] Cass. sent. n. 21108/2020.

[2] Art. 10 co. 1 DPR n. 633/1972.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube