Business | Articoli

Start-up: socio e amministratore ma con vincoli

15 Ottobre 2014
Start-up: socio e amministratore ma con vincoli

Incentivi: la retribuzione non deve essere legata solo alla carica sociale.

Tra il personale altamente specializzato, ai fini del rispetto dei requisiti per la qualificazione di start-up innovativa, può esserci anche il socio-amministratore purché la retribuzione sia in funzione della specifica qualifica professionale e non della carica sociale ricoperta. Lo ha detto l’Agenzia delle Entrate con una risoluzione di ieri [1].

Le società possono essere definite start-up quando l’attività non sia esercitata da più di 48 mesi, la sede e gli affari siano in Italia, il valore della produzione non superi i 5 milioni a partire dal secondo anno, la società non abbia distribuito, né distribuisca utili, l’oggetto sociale preveda un’attività di produzione o servizi innovativi e ad alto contenuto tecnologico. Infine, la nascita della società non può avvenire per effetto di operazioni straordinarie, eccetto la trasformazione.

I requisiti alternativi che le start-up innovative devono possedere sono la presenza di spese in ricerca e sviluppo uguali o superiori al 15% del maggior valore fra costo e valore totale della produzione della start-up, oppure che la società sia titolare o depositaria o licenziataria di almeno una privativa industriale e, infine, che sia impiegato personale altamente qualificato.

Secondo l’Agenzia, la forza lavoro può essere individuata anche nella persona dell’amministratore-socio. Quest’ultimo, però, per rientrare tra il personale specializzato, come indicato dalla norma, deve essere socio-lavoratore o avere un impiego retribuito che non sia di pura e semplice amministrazione della società.

Con riguardo agli stagisti, purché retribuiti, il documento chiarisce che possono essere annoverati tra i soggetti rilevanti ai fini della forza lavoro. Non possono essere, invece, considerati rilevanti ai fini della normativa, i consulenti esterni titolari di partita Iva.

Infine, la percentuale del personale specializzato rispetto alla forza lavoro complessiva deve essere calcolata “per teste” e non in base alla retribuzione percepita.


note

[1] Ag. Entrate, risoluzione n. 87/E.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube