Diritto e Fisco | Articoli

Verbale accertamento annullato: possibili nuove indagini?

10 Ottobre 2020
Verbale accertamento annullato: possibili nuove indagini?
Quattro persone (amministratore unico + 3 impiegati) hanno trasferte in Spagna con una certa frequenza avendo l’impresa interessi economici molto importanti in quel paese. Per comodità viene adottato in regime di rimborso forfettario. Un dipendente va sempre in aereo. Gli altri per necessità e comodità preferiscono l’auto. Per ogni trasferta, viene riadatta una lettera di missione alla quale poi vengono allegati scontrini e ricevute a titolo di “prova”.
In sede di ispezione Inps, gli ispettori intendono disconoscere tutte le trasferte per le quali non c’è un titolo di viaggio. Se l’azienda impugnerà il verbale unico, e questo portasse all’annullamento di quanto contestato, il periodo oggetto dell’ispezione  potrebbe essere nuovamente oggetto di nuovo accertamento Inps/Italia per le stesse cose o eventualmente anche altre oppure quel lasso temporale non è più verificabile?

Nel caso in cui il verbale dell’Inps dovesse essere impugnato, con esito positivo, allora l’Inps non potrà eseguire altri accertamenti relativi allo stesso oggetto dell’ispezione che ha prodotto il verbale impugnato, ma potrà eseguire accertamenti relativi ad altre questioni.

All’Inps, infatti, è riconosciuto il diritto di impugnare la sentenza di annullamento presso le competenti sedi giudiziarie ma, una volta confermato l’annullamento, la decisione si cristallizzerà e non sarà più possibile intervenire sulla questione. Infatti, ai sensi dell’art.2909 del Codice civile, l’accertamento contenuto nella sentenza passata in giudicato fa stato a ogni effetto tra le parti, i loro eredi o aventi causa.

Così, “in tema di giudicato non è possibile riproporre un’azione già decisa nel merito da altra sentenza passata in giudicato che poteva essere suscettibile di tutela coattiva difettando l’interesse ad agire che è rilevabile d’ufficio dal giudice” (Corte appello Roma, sez. VIII, 13/03/2020, n. 1782). Tale principio spiega i suoi effetti non solo sulla pronuncia esplicita della decisione, ma anche sulle ragioni che ne costituiscono, sia pure implicitamente, il presupposto logico-giuridico.

come spiegato da una recentissima sentenza della Cassazione (Cass. civile, sez. II, 04/03/2020, n. 6091), la pronuncia copre il sia il “dedotto” che il “deducibile” in relazione al medesimo oggetto, e, pertanto:

  • non soltanto le ragioni giuridiche e di fatto esercitate in giudizio,
  • ma anche tutte le possibili questioni, proponibili in via di azione o eccezione, che, sebbene non dedotte specificamente, costituiscono precedenti logici, essenziali e necessari, della pronuncia.

Ad esempio, in relazione all’accertamento tributario di un terreno, una sentenza che attesti una determinata estensione del terreno assoggettabile a tributo, non sarà più contestabile da quel punto di vista, neppure per i periodi di imposta successivi, mentre sarà contestabile in merito al valore immobiliare del bene, destinato, per sua natura, a modificarsi nel tempo con riferimento ai diversi periodi di imposta.

Inoltre, la sentenza di annullamento non può spiegare i suoi effetti in ordine alle questioni che non potevano essere proposte prima che sorgesse il fatto giuridico da cui scaturiscono.

Ciò significa che, nel caso di specie, tutte le questioni relative ai viaggi contestati nel verbale, ma anche a quelli che, relativi al medesimo periodo, non sono stati rilevati dall’INPS, saranno travolte dalla sentenza di annullamento.

Attenzione, però, perché l’annullamento che riguardi un vizio procedurale, o un vizio di motivazione del verbale è una decisione che, pur se passata in giudicato, non estende i suoi effetti ad altre controversie, anche se tra le stesse parti, che riguardino il medesimo rapporto tributario, non involgendo il merito della pretesa tributaria, sicché non si crea contrasto con il giudicato – di merito – già intervenuto tra l’ente impositore e le altre parti (Cassazione civile, sez. trib., 30/12/2019, n. 34656).

Dunque, l’annullamento dovrà riguardare un vizio di merito del verbale impugnato.

Inoltre, come anticipavo, l’annullamento, con sentenza passata in giudicato, del verbale non determina il giudicato su altri accertamenti, che potranno essere oggetto di un successivo giudizio tra le medesime parti (Tribunale Chieti, 01/04/2020, n. 236).

Così, per fare un esempio, l’Inps potrà contestare omessi versamenti contributivi, sempre relativi a quel periodo, a meno che non sia già maturata la relativa prescrizione.

È doveroso sottolineare un’altra sentenza della Cassazione Civile che, in sede tributaria, ha specificato come la sentenza del giudice tributario che definitivamente accerti il contenuto e l’entità degli obblighi del contribuente per un determinato periodo d’imposta fa stato, quanto ai tributi dello stesso tipo da questi dovuti per gli anni successivi, solo per gli elementi che abbiano un valore “condizionante” inderogabile rispetto alla disciplina della fattispecie esaminata, sicché, laddove risolva una situazione fattuale riferita ad uno specifico periodo d’imposta, essa non può estendere i suoi effetti automaticamente ad un’altra annualità, ancorché, siano coinvolti tratti storici comuni (Cassazione civile, sez. trib., 17/03/2020, n. 7369).

E così, la sentenza che dichiari la nullità del verbale sarà utile per periodi d’imposta successivi, con riguardo alle questioni giuridiche trattate dal giudice nel precedente giudizio, ma non potrà travolgere direttamente future ispezioni per periodi d’imposta differenti.

Detto più chiaramente, nel processo tributario, l’effetto vincolante del giudicato esterno in relazione alle imposte periodiche concerne i fatti integranti elementi costitutivi della fattispecie che, estendendosi ad una pluralità di annualità, abbiano carattere stabile o tendenzialmente permanente mentre non riguarda gli elementi variabili, destinati a modificarsi nel tempo (si confronti anche, Comm. trib. reg. Toscana Firenze, sez. V, 27/02/2020, n. 279).

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avvocato Salvatore Cirilla



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube