Controlli sulle seconde case

5 Ottobre 2020 | Autore:
Controlli sulle seconde case

Sciolto il nodo della doppia residenza in famiglia: viene meno il concetto di abitazione principale e dell’esenzione Imu. Verifiche sugli ultimi 5 anni.

Vita dura per chi pensa di evitare di pagare l’Imu sulla seconda casa con il trucco della residenza nell’abitazione turistica. La Cassazione ha stabilito recentemente che, in caso di spacchettamento (cioè, il marito stabilisce la residenza nella casa in città e la moglie in quella al mare) nessuna delle due può essere considerata abitazione principale [1].

La Suprema Corte segue, dunque, la linea stabilita dalla normativa sull’Imu, secondo cui «per abitazione principale si intende l’immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore e i componenti del suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente». Significa che se «l’intero nucleo familiare» non ha la residenza e la dimora nella stessa abitazione perché uno dei componenti le fissa altrove, viene meno il requisito dell’abitazione principale. E, a cascata, quello dell’esenzione dall’Imu.

La pronuncia della Cassazione scatenerà, inevitabilmente, ulteriori controlli sulle seconde case e sull’effettiva residenza dei contribuenti, nell’ottica di contrastare l’evasione Imu. Verifiche che possono riguardare gli omessi versamenti per cinque anni. Non solo al mare o in montagna ma anche in città, cioè su quegli immobili occupati da una parte della famiglia. Va ricordato, infatti, che, secondo la normativa, se i componenti del nucleo familiare stabiliscono la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi nello stesso territorio comunale, le agevolazioni per l’abitazione principale e per le relative pertinenze in relazione al nucleo familiare si applicano per un solo immobile.


note

[1] Cass. sent. n. 20130/2020.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube