Diritto e Fisco | Articoli

Non paga la cartella esattoriale chi rinuncia all’eredità

4 Dicembre 2013


Non paga la cartella esattoriale chi rinuncia all’eredità

> Diritto e Fisco Pubblicato il 4 Dicembre 2013



La rinuncia all’eredità salva dalla cartella esattoriale anche se l’erede non ha impugnato l’avviso di accertamento.

Se l’avviso di accertamento nei confronti di un soggetto da poco deceduto viene notificato ai suoi eredi e questi non lo impugnano (facendolo diventare definitivo), con la rinuncia all’eredità essi possono evitare di pagare anche l’eventuale e successiva cartella esattoriale di Equitalia. A dirlo è stata la Cassazione con una recente ordinanza. [1]

La vicenda

Un imprenditore deceduto era stato responsabile di omesso versamento di Iva. Il fisco aveva notificato l’accertamento agli eredi, ma questi ultimi non lo avevano impugnato. Successivamente, però, avevano rinunciato all’eredità.

Quando è arrivata la cartella esattoriale, gli eredi l’hanno impugnata perché – a loro dire – non erano legittimati al pagamento. Il fisco, invece, di contrario avviso, riteneva che l’atto fosse ormai divenuto “definitivo” per via della mancata impugnazione dell’avviso di accertamento.

La Cassazione ha accolto la tesi dei contribuenti.

Se non c’è rinuncia all’eredità

Se gli eredi non hanno rinunciato all’eredità, possono, a tutela dei propri interessi, partecipare alla fase del procedimento accertativo; essi infatti rispondono in solido delle obbligazioni tributarie del defunto verificatesi anteriormente al suo decesso. Il decesso del contribuente, infatti, non determina l’interruzione di qualsivoglia attività accertativa alle cui conseguenze gli eredi, in quanto tali, sono sempre assoggettati (salvo appunto, la rinuncia all’eredità predetta).

note

[1] Cass. ord. n. 27093 del 3.12.2013.

Autore foto: 123rf.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

2 Commenti

  1. vorrei rinunciare all’eredità (1 immobile e 2 auto) di mio marito deceduto 1 mese fa.
    Come devo comportarmi per il pagamento di eventuali bollette intestate al de cujus e i risparmi in banca, per non incorrere nel pericolo di accettazione tacita. Grazie

  2. gradirei sapere a chi devo rivolgermi per conoscere la mia eventuale situazione debitoria, con il fisco, e quali sono gli enti preposti grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI