Tech | Articoli

Come localizzare un cellulare

6 Ottobre 2020 | Autore: Danilo Stancato
Come localizzare un cellulare

Per ragioni che possono essere varie non hai più il tuo smartphone con te. Ecco una panoramica su come localizzare un cellulare e su come provare a risolvere i dubbi legati allo smarrimento del tuo cellulare.

Hai perso il tuo cellulare, non lo trovi più ed è spento o, peggio, te lo hanno rubato? È probabile che tu sia molto preoccupato e alla ricerca di una veloce soluzione su come localizzare un cellulare. Non disperare, ti proporremo alcuni metodi per risolvere la tua situazione.

Possiamo capire il tuo grado di sconforto perché oggi un cellulare è divenuto una sorta di scatola nera della nostra vita quotidiana. Non siamo più di fronte ad uno strumento per fare o ricevere telefonate e per scambiarsi messaggi di testo tant’è che già il solo fatto di chiamarlo “cellulare” suona anacronistico.

Il concetto di smartphone, nell’immaginario comune, si avvicina di più allo strumento di cui, pare, non si può più fare a meno. Oggi ci troviamo di fronte ad un prodotto estremamente tecnologico in cui riversiamo una quantità immensa di dati – alcuni sensibili – foto, documenti, video, password, codici: insomma, un vero e proprio forziere in cui custodiamo gran parte della nostra vita e della vita dei nostri affetti. Ovvio che non tutti siamo uguali e non tutti riserviamo al cellulare un’importanza tale e così estesa, ma la stragrande maggioranza di noi porta con sé e con il proprio smartphone tante informazioni personali e riservate.

È semplice localizzare un cellulare?

No, non lo è. Questo articolo su come localizzare un cellulare nasce proprio dall’esigenza di dare alcune informazioni chiave che possono essere decisive per rintracciare il tuo dispositivo. Purtroppo, non sono procedure che garantiscono la sicurezza di riavere indietro il tuo smartphone, ma sicuramente troverai in queste righe le linee guida per provare in tutti i modi a rintracciare il tuo cellulare e a rientrarne in possesso.

Come prima operazione devi focalizzare l’attenzione sul modello di cellulare che hai smarrito e sul sistema operativo. Hai smarrito o ti hanno rubato un iPhone (quindi sistema operativo iOS) o un altro modello di smartphone (sistema operativo Android)? Hai perso un dispositivo Windows Phone (Microsoft)? Non tutto è perduto.

Come ritrovare un iPhone

Non trovi più il tuo iPhone. Che sia un vecchio modello o uno degli ultimi, sei disperato. Come localizzare un iPhone? Hai mai sentito parlare della funzione “Trova il mio iPhone”? È la soluzione messa appunto da Apple che permette di rintracciare il tuo dispositivo immediatamente e utilizzarlo anche da remoto. È una funzionalità veramente utile e che può salvarti da questa spiacevole situazione ed ha il grande vantaggio di essere semplice da attivare e alla portata di tutti.

L’ostacolo più grande è quello di trovarsi di fronte ad un iPhone che non abbia attivata la funzione Trova il mio iPhone, quindi se stai leggendo l’articolo per capire come comportarti in caso di smarrimento, attiva subito questa soluzione: accedi alle “Impostazioni” e clicca sul tuo nome. Vedrai la voce “iCloud” dove dovrai accedere e abilitare le opzioni “Trova il mio iPhone” e “Invia ultima posizione”.  In questo modo, sei praticamente al sicuro: il cellulare smarrito acceso sarà localizzato con massima precisione all’istante accedendo da qualsiasi altro dispositivo. Se spento, invierà comunque l’ultima posizione localizzata in modalità offline.

Come utilizzare Trova il mio iPhone

Basta collegarsi sul sito internet da PC ed effettuare il login con le proprie credenziali (le stesse dell’ID Apple). Completa l’accesso inserendo lingua e fuso orario e poi clicca su “Salva”. Entra nella sezione “Trova il mio iPhone” e accedi per visualizzare la mappa con evidenziata l’ultima posizione disponibile relativa al dispositivo che stai cercando.

Se hai più dispositivi Apple associati al tuo ID, dovrai selezionare la casella: “Tutti i dispositivi” e concentrarti sul tuo cellulare smarrito. Potrai dare ordini al tuo smartphone da remoto e il dispositivo li eseguirà se acceso e connesso a internet. Se spento, li eseguirà comunque appena riacceso e connesso.

Il tuo smartphone potrà produrre suoni da remoto e ciò ti faciliterà la localizzazione se il dispositivo dovesse trovarsi vicino alla tua posizione, oppure sarà in grado di recepire la “modalità smarrito”, che permette di visualizzare sullo schermo un numero di telefono anche se attiva la schermata di blocco.

Se i tuoi dati sono in pericolo o se credi che il tuo dispositivo sia a rischio, puoi “Inizializzare l’iPhone“, che prevede un reset generale e una tabula rasa di tutti i contenuti. Questa misura è “definitiva” ed esclude un successivo utilizzo del Trova il mio iPhone, quindi è consigliata solo in casi estremi.

Non hai un PC? Non preoccuparti: accedi all’app gratuita “Trova il mio iPhone” da un altro dispositivo iOS e ripeti gli stessi passaggi che ti abbiamo elencato per la procedura da PC. L’app Trova il mio iPhone la trovi direttamente su AppStore.

Come ritrovare uno smartphone Android

Anche la vasta gamma di cellulari “motorizzati” Android offre una soluzione simile a quella sperimentata con i modelli targati iOs. Vuoi localizzare la posizione del tuo dispositivo Android? Non ti resta che accedere alla funzione “Trova il mio dispositivo” di Google che rintraccia e visualizza l’ultima posizione conosciuta del tuo cellulare. Immaginate un dispositivo che emette segnali captati da un radar: ecco Trova il mio dispositivo di Google si integra alla perfezione con Google Maps e funziona così.

Quindi, come prima cosa, devi collegarti al servizio Google “Trova il mio dispositivo” attraverso un computer e loggarti con le credenziali del tuo account Google. Una volta effettuato l’accesso devi sperare, come nel caso dei dispositivi Apple, che il tuo cellulare sia acceso e connesso ad internet. In questo modo potrai visualizzare immediatamente la posizione del tuo smartphone Android.

Se spento, potrai comunque individuarne l’ultima posizione resa nota attraverso la tendina posizionata sulla sinistra, in cui consultare altre informazioni generali: percentuale batteria o rete a cui è agganciato. Anche per i cellulari Android è possibile “manovrare” da remoto: le azioni anche in questo caso sono molteplici.

Con la funzionalità “Riproduci audio” puoi far squillare il tuo cellulare ininterrottamente per 5 minuti, qualsiasi siano le impostazioni settate; cliccando su “Blocca e resetta”, invece, puoi impostare da remoto un codice di blocco o resettare completamente il tuo cellulare, come nel caso dell’inizializzazione dell’iPhone. Non hai un computer? Non preoccuparti: anche in questo caso puoi procedere con un altro dispositivo attraverso l’app “Find my device”, gratuita e disponibile su PlayStore di Google.

Loggati con l’account Google relativo al dispositivo smarrito e ricalca la procedura descritta per la localizzazione con il computer.

Come localizzare un Windows Phone

Possiedi un Windows Phone? Nonostante sia terminato lo sviluppo e non siano più in produzione nuovi dispositivi Windows Phone, vogliamo fornirti la possibilità di rintracciare anche i modelli non targati Android. Anche Microsoft ha dotato i suoi dispositivi Windows Phone di una funzione di localizzazione.

Accedi al tuo account Microsoft associato al Windows Phone e clicca su “Trova il mio telefono”, funzione che troverai a destra, nella barra laterale. Anche in questo caso, se il telefono è accesso e connesso, sarà rilevato e potrai eseguire azioni da remoto: il tuo Windows Phone sarà in grado di squillare e vibrare comandato a distanza; oppure potrai bloccarlo con un codice conosciuto solo da te o resettarlo definitivamente per cancellare tutti i tuoi dati e renderli inaccessibili.

Come localizzare un cellulare rubato

Se nelle fattispecie descritte nei precedenti paragrafi (cellulare smarrito o dimenticato in qualche posizione) eri molto preoccupato, in questo paragrafo descriveremo la peggiore delle ipotesi: ti hanno appena rubato il cellulare. Lo sconforto, la rabbia, la paura e la mortificazione si faranno strada dentro di te e sarai in preda allo scoramento. Devi invece agire lucidamente e farlo subito.

Rispetto ad alcuni anni fa, chi oggi ruba un cellulare non può accedere facilmente al mondo della persona rubata, anzi, l’accesso è veramente difficile. Ovviamente, questo paragrafo è riservato a chi abbia già fatto tutti i tentativi possibili per rientrare in possesso del cellulare, compresi quelli descritti nei paragrafi precedenti di questo articolo.

Se invece non riesci proprio a riprendere possesso del tuo cellulare, quello che devi prontamente mettere in atto è una procedura per limitare le conseguenze. Contatta subito il tuo operatore da un altro telefono (conoscerai sicuramente il numero preposto, in caso contrario ti basta cercarlo su un qualsiasi motore di ricerca) e richiedi il blocco della sim.

Richiedi contestualmente il blocco del codice Imei, operazione importante quando si segnala un furto. Una volta completate le procedure con l’operatore telefonico, collegati al sito della compagnia telefonica e segui le indicazioni per il blocco del dispositivo rubato. Ciò impedirà qualsiasi tipo di utilizzo dei tuoi dati e del tuo cellulare a chi te lo ha rubato.

Cos’è il codice Imei? Dove trovo il codice Imei? Il codice Imei è un insieme di numeri associati ad un unico dispositivo ed è rintracciabile sia sulla confezione del prodotto, sia sul proprio account online associato al dispositivo.

Per un furto accertato di cellulare devi presentare denuncia alle autorità e richiedere il blocco del cellulare su rete nazionale, sempre ricorrendo al codice Imei. Queste operazioni, purtroppo, sono all’ordine del giorno presso le autorità competenti e vengono espletate velocemente attraverso un apposito modulo. Dovrai poi inviare lo stesso modulo al tuo operatore per chiudere definitivamente la pratica.

Se ti sei imbattuto in uno di questi spiacevoli eventi, questo articolo può esserti di grande aiuto. Non avrai la certezza di ritrovare il tuo cellulare, ma avrai la certezza di averci provato in tutti i modi.



Di Danilo Stancato


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube