Covid: smart working ampliato per quarantena dei figli

7 Ottobre 2020 | Autore:
Covid: smart working ampliato per quarantena dei figli

Lavoro agile riconosciuto anche se il figlio è posto in quarantena per contatti in palestra, in piscina o al corso di musica o di lingue.

Il decreto sull’avvio dell’anno scolastico [1] ha previsto due importanti possibilità per i genitori i cui figli under 14 sono stati posti in quarantena per contatti scolastici: la possibilità di svolgere l’attività lavorativa in modalità agile e, qualora il ricorso allo smart working non sia possibile, un congedo retribuito al 50%.

Ma che cosa succede se il figlio viene posto in quarantena per dei contatti avvenuti al di fuori dell’ambito scolastico? In questo caso, il decreto non offre né la possibilità di fruire dello smart working, né del congedo. Tuttavia, il disegno di legge di conversione del decreto Agosto, approvato ieri in Senato, amplia la platea di beneficiari dello smart working, inserendo anche i genitori lavoratori con figli posti in quarantena per contatti avvenuti all’interno di palestre, piscine, strutture e circoli sportivi, strutture frequentate per lezioni di musica o lezioni di lingue, o per contatti avvenuti durante lo svolgimento di un’attività sportiva in generale.

La quarantena deve essere disposta dal dipartimento di prevenzione della Asl territorialmente competente; i periodi interessati dal provvedimento vanno dal 9 settembre al 31 dicembre 2020.

La legge di conversione del decreto non prevede, però, l’ampliamento della platea dei beneficiari del congedo retribuito per quarantena dei figli minori di 14 anni: possono beneficiare del congedo indennizzato al 50%, dunque, solo i lavoratori i cui figli siano stati posti in quarantena in base a contatti avvenuti nel plesso scolastico e non a contatti avvenuti al di fuori della scuola.

Resta ancora in piedi, poi, senza data limite, la possibilità di fruire di assenze non indennizzate, per i figli under 16, in caso di sospensione delle attività didattiche o dell’infanzia.

note

[1] Art.5 DL 111/2020.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube