Diritto e Fisco | Articoli

Spese processuali: chi paga la causa? La compensazione va sempre motivata in sentenza

5 dicembre 2013


Spese processuali: chi paga la causa? La compensazione va sempre motivata in sentenza

> Diritto e Fisco Pubblicato il 5 dicembre 2013



Le spese di giudizio sono, di norma, addossate sulla parte che perde la causa; solo in gravi ed eccezionali casi il giudice può derogare a tale norma, prevedendo la compensazione delle spese, sempre a condizione che motivi tale decisione.

Quando si inizia una causa o si viene chiamati in giudizio da qualcun altro, ci sono sempre delle spese da sostenere, quanto meno per pagare il proprio legale. Tali spese vengono anticipate da ciascun soggetto che partecipa al contenzioso, ciascuno per le proprie esigenze e necessità. Alla fine del procedimento, però, il giudice decide chi debba pagare tali costi per tutti (si parla, a riguardo, di decisione sulla “condanna delle spese”).

Ebbene, in tema di condanna alle spese processuali, il giudice è tenuto ad attenersi alla regola generale che impone di addebitare dette spese solo sulla parte soccombente (su colui, cioè, che ha perso il giudizio).

Solo in presenza di gravi ed eccezionali ragioni, il giudice può compensare, in tutto o in parte, le spese processuali tra le parti [1]: il che vuol dire, in termini molto pratici, che ciascuno si paga il proprio avvocato e le spese vive sostenute per la causa. Ma ciò può avvenire ad una condizione: che il magistrato indichi, in modo esplicito, nella motivazione della sentenza, le ragioni di tale scelta.

A dirlo è una recente sentenza della Cassazione [2].

Secondo la Suprema Corte, le motivazioni che hanno spinto il giudice a derogare alla regola generale – che impone che le spese di giudizio gravino solo su chi ha perso la causa – non si possono desumere implicitamente dalla sentenza: usanza che, purtroppo, specie in tempi passati, era assai ricorrente.

La decisione di compensare le spese, quindi, deve rispondere a due condizioni:

– può avvenire solo in casi gravi ed eccezionali;

­- deve essere sempre motivata.

note

[1] Art. 92 c. 2, cod. proc. civ.

[2] Cass. sent. n. 26174 del 21.11.2013.

Autore immagine: 123rf.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

5 Commenti

  1. Boungiorno, per favore posso sapere che deve pagare le spese legale nel caso che ho vinto una causa civile conto il comune grazie .

  2. Buongiorno causa contro l’inps per invalidità civile 100x 100 prima udienza ho perso l’avvocato è del patronato ricorso vinto non abbiamo pattuito niente devo pagare l’avvocato ? mi ha chiesto 2500 euro dovrei prendere 3 anni circa di arretrati sarebbero 10 milaeuro circa è giusto? non dovrebbe pagare l’inps ? vi ringrazio per l’attenzione cordiali saluti.

  3. Sono stato citato per danni (€, 400,000) per non avere cancellato un sequestro conservativo (mai sollecitato a farlo dal soccombente) per due ricorsi ho pagato €. cinquemila e palese che i risarcitori cerca in tutti i modi, una rivalsa. La mia domanda è in caso di vittoria chi paga le spese. Grazie per una eventuale risposta

  4. Io e mio fratello abbiamo vinto una causa civile durata 11anni,per una linea di confine del nostro terrenno,con circa 26udienze,mi hanno risarcito con2200€ per compenso professionale,€170.59per spese,oltre rimborso forfettario,pone definitivamente a carico della parte convenuta le spese ctu,come liquidate con provvedimenti in atti,non ci hanno pagato spese per geometra in €1500.00,e tutti i viaggi che noi e i nostri genitori abbiamo fatto perchè viviamo in francIo e mio fratello abbiamo vinto una causa civile durata 11anni,per una linea di confine del nostro terrenno,con circa 26udienze,mi hanno risarcito con2200€ per compenso professionale,€170.59per spese,oltre rimborso forfettario,pone definitivamente a carico della parte convenuta le spese ctu,come liquidate con provvedimenti in atti,non ci hanno pagato spese per geometra in €1500.00,e tutti i viaggi che noi e i nostri genitori abbiamo fatto perchè viviamo in francia e le nostre proprietà sono in italia,ci hanno pagato spese per architetto chiamato dal tribunale €600.00 + 1.900.00€ l’avvocato ci ha presentato un conto di 7.900.42€cosi diviso,fase di studio €1.620.00 fase introduttiva€1.147.00 fase istruttoria€1.720.00 aumento su detta ex art.4comma 1 x complessità dell’attività istruttoria+4xcento per la fase decisionale €2.767.00 oltre rimborso spese forfettarie perel totale a compenso cassaprevidenza avvocati(4xcento compensi e spese forfettarie) iva(22xcento compensi spese forfettarie e c.p.a.) ed accessori come perlegge.manoi ci chiediamo abbiamo vinto ho perso la causa.Ringraziamo anticipatamente della vostra attenzione che ci date.ia e le nostre proprietà sono in italia,ci hanno pagato spese per architetto chiamato dal tribunale €600.00 + 1.900.00€ l’avvocato ci ha presentato un conto di 7.900.42€cosi diviso,fase di studio €1.620.00 fase introduttiva€1.147.00 fase istruttoria€1.720.00 aumento su detta ex art.4comma 1 per complessità dell’attività istruttoria+4xcento per la fase decisionale €2.767.00 oltre rimborso spese forfettarie perel totale a compenso cassaprevidenza avvocati(4xcento compensi e spese forfettarie) iva(22xcento compensi spese forfettarie e c.p.a.) ed accessori come perlegge.ma..noi ci chiediamo.. abbiamo vinto ho perso la causa.Ringraziamo anticipatamente della vostra attenzione che ci date.

  5. salve info , ricorso contro imps per legge 104 vinto con ausilio legale patronato . Debbo pagare parcella all’avvocato del patronato? e se si in quali casi?
    grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI