Malattie rare: da fibrosi polmonare idiopatica a sclerosi sistemica, con Covid più rischi

8 Ottobre 2020
Malattie rare: da fibrosi polmonare idiopatica a sclerosi sistemica, con Covid più rischi

Roma, 7 ott. (Adnkronos Salute) – Il bersaglio numero uno di Covid-19, anche se non l’unico, sono i polmoni, i due organi elastici che contraendosi permettono l’ossigenazione attraverso un continuo scambio di gas tra corpo e ambiente esterno. A minare questa loro capacità vitale possono essere però anche delle malattie rare: ad esempio quelle ‘fibrosanti’ che, causando la sostituzione del normale tessuto polmonare con tessuto cicatriziale, li rendono rigidi al punto da non riuscire ad assorbire l’ossigeno presente nell’aria. La fibrosi polmonare idiopatica (Ipf) e la sclerosi sistemica, che nel 90% dei casi colpisce anche i polmoni, sono tra queste. Cosa potrebbe succedere se chi è affetto da una di queste patologie contraesse l’infezione da coronavirus Sars-CoV-2? E che effetti ha avuto la pandemia sulle persone che avevano già una diagnosi di questa malattia?



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube